Autore Francesco Tullio Altan
CoautoreStefano Benni
Titolo 10 Teorie sull'estinzione dei dinosauri
Sottotitolo(e 25 animali fantastici)
EdizioneGallucci, Roma, 2016, uG , pag. 60, ill., cop.fle., dim. 12x16x0,6 cm , Isbn 978-88-9348-018-5
LettoreGiorgio Crepe, 2018
Classe umorismo , illustrazione












 

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 10

DODO

Raphus cucullatus

Mauritius 1507 Madagascar 1707 circa

Specie di colombaccio non sgradevole alla vista, scoperto nelle isole Mauritius nel 1507 da un naturalista gesuita. Tormentato da dubbi, il Dodo si trasferisce sull'isola di Madagascar, dove si riproduce con entusiasmo.

Due secoli dopo si estingue. Perché?

L'ipotesi più attendibile, suffragata da dati incontrovertibili, recita: "Fatte le debite proporzioni, si è indotti a presumere che un quesito esiziale si sia fatto strada nel cervello del Dodo, e cioè: Chi sono? Da dove vengo? Perché in Madagascar? A cosa servo?"

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 12

DODAZZO

Raphus italicus

Dichiarato estinto dall'Agenzia Mondiale preposta allo scopo. Conclusione fortemente contestata da studi più recenti dell'Università di Ratisbona che sulla base di dati incontrovertibili affermano:

"Il Raphus Dronte (volgarmente Dodazzo) ben lungi da essere estinto, risulta essersi portato dal Madagascar sul continente africano attorno al 1675, ed ivi stabilitosi in Angola, dove assume un piumaggio grigio con minuti pallini bianchi, e si riproduce sotto il nome portoghese di Galinha de Angola.

Dall'Angola si diffonde in Europa e segnatamente in Italia, dove è comunemente noto come faraona, quale che ne sia il sesso.

A comprova, il Dodazzo spennato in nulla differisce dal Dodo originario".

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 22

NARCISONE 0 MAMMUT MAGGIORE

Elephas vanus

Diffuso un po' ovunque nel quaternario, non ne esce vivo.

I reperti congelati ritrovati in Siberia permettono una agevole ricostruzione dell'accaduto. L'animale era vanitoso al punto di non accettare le mutazioni indifferibili atte alla sua sopravvivenza. L'attaccamento ossessivo al suo aspetto, nella fattispecie al lungo pelo rossiccio e alle zanne inutili e vistose, lo esposero all'aggressione dei parassiti e della carie. Ciò è visibile a occhio nudo esaminando i suddetti reperti.

Secondo Lamarck l'estinzione è dovuta a immutabili caratteri ereditari: in pratica, era brutto.

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 42

10. Teoria dell'abbandono

Secondo lo scienziato T. Rex il Pazzo, i dinosauri e gli uomini vissero insieme per una breve epoca, l'era androsaurica. Anzi gli uomini tenevano i dinosauri come animali domestici, i triceratops come bulldog, i tirannosauri come pitbull e i velociraptor come barboncini. Ma un giorno un uomo delle caverne, osservando le migrazioni degli uccelli, inventò le vacanze.

Gli uomini partirono tutti insieme per il mare e la montagna e, senza alcuna pietà, abbandonarono i dinosauri in mezzo al deserto o nelle piazzole degli autogrill. I dinosauri avevano scordato come si cacciava e come ci si procurava il cibo, per secoli avevano mangiato solo crocchette. Solo Kjyukzug, una vecchietta delle caverne, si occupò di loro.

Continuò a occuparsene per molti anni, anche se sfamare tremila dinosauri era una enorme fatica. Quando Kiyukzug morì, i dinosauri vagarono randagi per breve tempo, poi si estinsero. Se possedete un dinosauro, non abbandonatelo!

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 54

| << |  <  |