Copertina
Autore Yann Arthus-Bertrand
Titolo 365 giorni per la Terra
EdizioneWhite Star, Vercelli, 2001 , pag. 744, dim. 245x165x55 mm , Isbn 978-88-8095-681-5
CuratoreHervé Le Bras
TraduttoreValeria Cortese
Classe fotografia , natura
PrimaPagina


al sito dell'editore


per l'acquisto su IBS.IT

per l'acquisto su BOL.IT

per l'acquisto su AMAZON.IT

 

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 2

A volte la Terra rende assai facile il lavoro a Yann Arthus-Bertrand. il caso delle Bahamas: nessuna lunga ricerca del soggetto, solo due voli in elicottero di qualche ora sopra un arcipelago di banchi di sabbia, scogliere coralline e isolotti; nient'altro, e le Bahamas erano sue. Anche i fiumi di ghiaccio della Patagonia si sono lasciati conquistare senza fatica, come il delta dell'Okawango in Botswana, le oasi della Mauritania, i vulcani dell'Islanda e Bora Bora, luoghi che hanno offerto il loro splendore come se fossero stati creati per essere fotografati dall'alto. Ma il Kuwait? Il Kuwait è stato un caso difficile. Per giorni e giorni il Francese ha girato sopra il deserto grigio-bruno dello sceiccato. "Il soggetto più impressionante che abbia scoperto era un cimitero di carri armati iracheni", ricorda, "Un'immagine indubbiamente forte dal punto di vista della composizione geometrica...". Ma il pensiero di escludere l'emirato non lo ha sfiorato nemmeno una volta.

Questo perché Yann Arthus-Bertrand è il fotografo ufficiale del pianeta Terra e si è ripromesso di ritrarlo dall'alto nel modo più completo possibile. Con interventi accuratamente programmati, sorvola un Paese dopo l'altro, saldamente ancorato al portello aperto della cabina dell'elicottero, sul capo la cuffia tramite la quale dirige via radio il pilota, mentre un assistente registra tramite radiofaro le coordinate dei luoghi fotografati. Gli sono necessarie sette macchine fotografiche con obbiettivi intercambiabili e talvolta utilizza venti rullini in un'ora. Le sue riprese mostrano come le maree creino le isole, i fiumi cerchino il loro percorso, i villaggi e le metropoli crescano. "Le buone fotografie aeree", dice, "sono stimoli a compiere viaggi di scoperta".

La Terra in queste immagini è un pianeta sorprendente, mai monotono o brutto. Persino i luoghi che testimoniano distruzione, come gli sfregi provocati dagli incendi in una foresta pluviale o le chiazze di greggio sui litorali, nelle sue fotografie si trasformano in forme seducenti. Ma la Terra si può guardare unicamente per il puro piacere degli occhi? "Dall'alto, sì", afferma, "Il nostro pianeta è meravigliosamente bello. Non si può nemmeno immaginare una simile varietà di colori e di forme. Tutto il resto - umani destini, afrore e rumore - sembra non esistere dall'alto."

Poco tempo fa Yann Arthus-Bertrand e sua moglie sono andati in vacanza a Mustique, un'isola dei Caraìbi "con la più bella spiaggia che abbia mai visto". E lui non si è lasciato sfuggire l'occasione di fotografarla dall'alto.

Andreas Wolfers

GEO Magazine

| << |  <  |