Copertina
Autore Luciana Bellini
Titolo La capitana
SottotitoloVita di mezzadri in Maremma
EdizioneNuovi Equilibri, Viterbo, 2003, Strade bianche della scrittura 9 , pag. 184, cop.fle., dim. 120x168x11 mm , Isbn 978-88-7226-769-1
LettoreGiovanna Bacci, 2004
Classe narrativa italiana , storia sociale
PrimaPagina


al sito dell'editore


per l'acquisto su IBS.IT

per l'acquisto su BOL.IT

per l'acquisto su AMAZON.IT

 

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 3

Edo, 'l penultimo dei cinque. Ero convinto allora, che la Capitana fosse mia, che tutta la Fattoria con tutte le stanze, tutte le cantine con tutt'i campi, le stalle, 'capanni de' maiali e perfino l'orto col muro fossero mia. Mia erano anche le bocche di lupo rosso bucchero che scappavano da' cretti del muro dell'orto e la vetriòla che sbucava da sotto li scalini de la casa bassa, e le melagrane spaccate che ridevano co' denti rossi. Mi giravo e, era tutto mio: 'bovi Cancelliere e Castellano, 'l cane nero Zago e la gallina padovana co' la cresta ciondoloni. 'l galletto no, quello era del mi' fratello; quel gallo era la cosa più cattiva de la Capitana, rincorreva e pizzicava all'improvviso, ma se lo chiappavo... come crescevo, se mi veniva 'l coraggio, lo pigliavo pel collo e arivederci l'importanza.

L'unica cosa che 'n era la mia, oltr'al galletto co' le penn'azzurre, era 'l calesse del Fattore, quello era suo: ci scorrazzavano lui e la su' moglie, ma di più lui.

'l Fattore così all'ariàggio 'n mi garbava perniente, forse 'n pochino più del galletto sì, ma poco. Anche lui benchè 'n pizzicasse era 'mportanzioso: petto avanti, panciotto abbottonato, camicia bianca. Da la tasca de' calzoni li ciondolava giù la catena dell'orologio: lo tirava fòri, apriva lo scatto e, tac! sbucavano tanti' numeri colorati di rosso. Che m'importava s'anche l'orologio come 'l calesse erano del Fattore, mmh, ciavevo tutta la Capitana io!

'l Fattore 'n m'aveva mai fatto 'n complimento, la Fattoressa 'nvece sì, lei era boncitta, mi chiamava sempre e mi diceva: "Edo vieni qua via, tieni 'sta caramellina, sentirai com'è dolce!" e io mi struggevo quando mi sgaruffava 'l capo pieno di riccioli appiccicati. Mi rincresceva che la Fattoressa fosse del Fattore.

Anche ' su 'figlioli mi volevano bene, mi pigliavano 'n collo e isa! mi tiravano su come 'na palla e io ridevo tutto soddisfatto: 'n avevo mica paura, loro erano robusti e con que' braccioni mi richiappavano subito.

Nemmmeno la macchina dell'Ingegnere era la mia, però, 'n era manco del Fattore: era dell'Ingegnere! L'Ingegnere stava a Roma e quando si sentiva di' ch'arrivava, la Fattoressa era 'n faccende: c'era chi spennava' galletti chi gonfiava l'oca e chi sgozzava l'agnello. 'l forno stava acceso a giornata pe' fa còce 'l pane e pe' qualche dolce speciale: quell'odore però 'n era 'l mio... Mmh, tanto 'na volta la settimana la mi' mamma faceva 'l pane e a me mi faceva sempre lo schiaccìno, sicché.

"Pèpè pèpè pèpèèèè" e quando sentivo che la macchina arrivava, via! correvo fori a vedé quella festa. Quel macchinone lungo come 'n treno si fermava nel mi' piazzale e cominciavano a scende', l'Ingegnere, la Signora Ancilla, 'figlioli Giangi Marietto e la Pupa, l'autista Carlo che chiamavano anche scioffè e la su' figliola Lelle. 'l Fattore col cappello 'n mano e la Fattoressa col grembio bianco gli facevano 'n sacco di feste eppoi si caricavano le borse e l'accompagnavano su pe' le scale, e lì sparivano.

A me m'importav'assai, erano tutti grandi loro, tanto lo sapevo che poi Lelle sarebbe venuta a cercammi; io e lei supperggiù s'era piccini uguali e oramai ci si conosceva bene, anzi, s'era propio amici! Lelle lo sapeva che lì a la Capitana meno poche cose era tutto mio, ' poderi e le bestie ch'erano vicino a la Fattoria, quelli no, diàmine, quelli erano dell'Ingegnere, ma no del Fattore: eh no carobello, nonò, nìsba!

'l mi babbo lo diceva sempre: " 'sto Fattore fa tanto 'l furbo, pare sia tutto suo; comanda comanda, ma che vo' che comandi, anche lui deve stà sott'a la bava dell'Ingegnere eh, è lui 'l Padrone!!

Eeeh, 'l Fattore vorrebbe metteci tutti sott'a' piedi ma vedrai co' me 'n ci ride!"

Antipatico! anche più del galletto co' le penn'azzurre.

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 58

Edo a Poggioferro. Anche se c'ero nato a Poggioferro, che me ne fregava? 'n ero mica come la mi' sorella io! ci stavo tanto bene a la Fattoria. E se ogni tanto lei andava su al paese, m'importav'assai, a la Capitana io trovavo sempre da giocà. Avòglia! di compagni ce l'avevo quanti mi pareva, lì c'era sempre 'n sacco di gente, figuriamoci se m'annoiavo.

A Poggioferro la prima volta ci tornai col mi' babbo e la mi' mamma: si montò 'n bicigletta e via a tutta randa, giù pe' la scesa s'andava come unti. Io pe' la strada mi giravo 'n qua e 'n là ch'ero curioso: "O ba', ma chi ci stà qui? e quello stradello ndo sbuca? Mamma, voi lo sapete se quel capanno 'n cim'a quel pòggio è quello del Lupo Manaro? Maria dice che di casa lui stà su verso 'l Podere de la Fame..." Quel viaggio mi garbava anche se pe' le salite più ripide c'era da caminà, ché la bicigletta 'n ce la faceva a rampicà.

Scansano 'n s'attraversò perniente, ché 'l mi' babbo furbo più di Cacco conosceva tutte le scorcitoie. Giusto 'l bosco del Convento si vidde, col campanile che svettava su: "O ma, la torre de la Capitana però è più alta vé?"

E quando s'arrivo al Pianello, che festa ci fecero! La mi' nonna nne smetteva più di dimmi: "Fatti 'n po' vedé come sei fatto alto... Benedica! è cresciuto bòno bòno 'n palmo! ma l'avevo detto io che quelle erano febbri di crescenza. bellino 'n carne, sisì, gni manca propio niente!" E io soddisfatto mi facevo sballozzà da quella e da quell'altra, anche se 'n pochino mi vergognavo, ché la casa 'n era piena di parenti e basta, venne tutto 'l vicinato a vedé com'ero fatto grande. Quelle donne dicevano che mi ridevano prima l'occhi de la bocca! e che' capelli erano sempre quelli: riccioli riccioli e biondi biondi. Ma Adriana mi sbaciucchiò più che mai: "Bello, bello 'l mi' cittino! 'sto poccione! se 'n glielo divezzavo io a la su' mamma, a quest'ora era sempre attaccato! Era 'n bel pandòro, 'n pacioccone, ma quella settimana a me e al mi 'Angiolino 'n ci fece chiude' occhio. Te, 'n te lo ricordi più vé puzzoloso? Poarìno, ti disperavi perché ti mancava 'l nenne! A momenti però pigliavi moglie: avevi 26 mesi nel groppone eh!"

Mi garbò Poggioferro e 'n que' du' giorni mangiai più caramelle che pe' la Befana, e la mi' biscugina Mariagrazia che sapeva tant'indovinelli si metteva lì e: Dondìcchio dondava, Raspìcchio raspava, Dormìcchio dormiva e Venìcchio veniva! Ma se 'n era Dondìcchio che svegliava Dormìcchio, veniva Venìcchio e si portava via Raspìcchio! Poi mi spiegava che dondìcchio era la pera che penzolava dal ramo, raspìcchio era 'l galletto che raspava per terra, dormìcchio 'l cane, e venìcchio la volpe che zitta e chiòtta veniva a chiappasselo! E se la pera 'n cascava dal ramo e nne svegliava 'l cane, la volpe l'avrebbe fatta franca e, addio galletto! Ma quell'indovinello era troppo difficoltoso da 'mparà, e allora Grazia m'insegnò 'no scioglilingua da portà a la Capitana: Trentatré-trentini-entrarono -'n-Trento-tutt'e-trentatré-trottando. Trentatré trentini entrarono 'n tentro...

Da quella volta mi richiedeva anch'a me 'l paese, e quando 'l mi' babbo mi riportava a la Fattoria mi rincresceva di lascià l'amici di lassù. Le prime volte però mi canzonavano e 'n mi ci volevano fa giocà co' loro, ma poi bastò 'na scazzottata e s'era già compagni. Quell'anno pe' Mezz'Agosto ci stetti 'na settimana 'ntera 'ntera e sicché ci combinai perfino la fiera! Beppe di Quinto, Beppe del Poggio, Agostino del Pianello, Giancarlo 'l mi' cugino, tutto 'l giorno si gironzolò 'ntorn'a que' banchi colmi d'ogni bendiddio, e finché 'n si vidde che smontavano e rimettevano 'n s'andò a casa. Ma lassù, pe' le strade c'era la luce, e sicché si poteva rigiocà anche dopp'avé cenato. A la Fattoria 'nvece se ci si voleva mòve pe' andà a veglia, bisognava contentassi del lume fioco de la lanterna. Massì, al paese era tutto differente, perfino le lucciole a Poggioferro erano ricche, e se si mettevano sott'al bicchiere potevano cacà 'na lira o anche due! A me, me lo disse Giancarlo: "nno sapevi no? Provaci! Se ce le metti parecchie lo vedrai! E se trovi 'n lucciolone è anche meglio!"

Aveva ragione eccome. La mattina trovai le mi' lucciole spente ma le du' lire brillavano più dell'argento! "Domanissera ci rifò; 'nvece di chiappalle cinque ce le metto dieci, così pieno 'l borsello!" zi' Alma però mi disse che se s'imprigionano tutte le sere, doppo si stancano e ' soldi 'nne cacavano più. " 'na volta ogni tanto va bene, ma sempre sempre 'n si pòle! Sennò va a rifinì che 'l cielo resta senza lume, 'n ti pare?"

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 121

Bruna e Mirello. Forse sognavo... forse mi sbagliavo... 'n era possibile che quel giovanotto fosse propio lui...

Mi salutarono festosi: Mirello e ' su' fratelli, mestola e paiolina a la mano rimettevano a novo 'l muro de la strada. Tum! oddio... di sicuro lo sentirono anche loro quel colpo: 'l cuore m'era scappato dal petto...

Andavo e venivo: ora dal fontanile ora dal forno, ma quando gli passavo davanti facevo finta di niente, anzi, diventavo più altezzosa che mai. No, gnela volevo da' confidenza.

Però Giulio e Vittorio, 'n tutt'i modi volevan'attaccà briga, e da come scherzavano mi pareva che si fossero ammoscati di qualcosa. Anche Mirello fàceva 'l furbetto e quel giorno mi disse: "Ma perché scappi sempre? hai paura che ti mangi?" S'avvicinò e allargò ' bracci pe' parammi la strada. "Dai, fermati! o che furia hai?" Mi toccò alzà 'l capo pefforza... madonna com'era bello!! 'n mi riusì di spiccicà parola e mentre rampicavo su pe' la salita sentivo le gambe che mi facevano fico.

E quella volta, ma doppo tanto, quando 'l muro era già finito da quel dì, e io ero sicura che 'n avrei avuto modo di rivedello, Mirello sali le scale di casa mia...

Aprii la porta e... era propio lui! Ma forse era 'n abbaglio: e che ci faceva lì ritto davanti al mi' uscio?.. Diventò di fòco, s'impappinò prima di dimmi quel che voleva. Cercava la Fattoressa, e dato che 'n casa 'n ce l'aveva trovata, era salito su pe' vedé s'era da noi: "Ero passato a salutalla... parto militare..." Da come mi strinse la mano capii che quella era 'na scusa: Mirello era venuto pe' salutà me! e quello 'n era dicérto 'n addio. Lo sentivo, me lo diceva 'l cuore...

Quell'amore segreto mi fioriva dentro come fa la primavera nel prato: sarebbe ritornato, ora ero più che sicura. Ciavrei messo la mano nel fòco mi'! Ciavrei scommesso che tra qualche giorno mi sarebbe arrivata una di quelle cartoline che, anche se nel dietro c'è scritto giusto du' righi di saluto: Arrivederci a presto! E senza sbottonassi troppo, senza di': Ti penso sempre o Ti voglio bene, ché dicérto sarebbe troppo compromettente, que' du' righi sò digià 'na dichiarazione. Ma poi anche 'n ci fosse scritto niente, basterebbero loro... 'na ragazza e 'n giovanotto: le teste accostate, le mani 'ntrecciate, 'l occhi dentr'all'occhi. Sò lì che si guardano muti, eppure... quella cartolina lucidata a specchio, ti dice che quel lui e quella lei sò presi: sisì, si sò promessi! Prima 'na cartolina, poi 'na lettera, eppoi... 'n bel giorno sarebb'arrivato con quel regalo: 'n portagioie! Uguale spiccicato a quello che 'l mi' cugino Aldo aveva comprato a la su' fidanzata. E io avrei sgranato l'occhi e come lei avrei detto: Ooooh... eppoi avrei alzato 'l coperchio d'argento ricamato, e mentre la ballerina attaccava a gir'al tondo e la musica del carriòn si spargeva 'ntorno, tra 'l rosso del velluto avrei trovato l'anello di fidanzamento! Tutto d'oro bianco col brillantino che lustrava...

| << |  <  |