Copertina
Autore Ciro Cacciola
Titolo L'internazionale juke-box del caffè
EdizioneColonnese, Napoli, 2014, Lo specchio di Silvia 54 , pag. 62, ill., cop.fle., dim. 9,2x14,5x0,5 cm , Isbn 978-88-87501-91-9
LettoreGiovanna Bacci, 2014
Classe musica , alimentazione , paesi: Italia: 1960
PrimaPagina


al sito dell'editore


per l'acquisto su IBS.IT

per l'acquisto su LAFELTRINELLI.IT

per l'acquisto su AMAZON.IT

 

| << |  <  |  >  | >> |

Indice


    Istruzioni per l'uso        4

    Prefazione                  5

    Intro                       7

    Playlist                   11

    In consolle                61
_____________________________________

 

 

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 7

INTRO


Il primo è stato nientepopodimenoché Johann Sebastian Bach con la sua Kaffeekantate (Cantata del caffè) scritta tra il 1732 e il 1734. Ma a celebrare il caffè, la pianta che ormai cresce rigogliosa nei paesi dell'America Latina dopo che gli olandesi, utilizzando semi provenienti dallo Yemen, introdussero e diffusero a Cuba, Puerto Rico, Haiti, Giamaica, Guadalupa fino a creare le prime piantagioni in Brasile intorno al 1727, ci hanno pensato e ci pensano soprattutto gli autori di rock, jazz, pop, soul... e canzonette!

Questo internazionale juke-box dedicato al caffè cantato conta cinquanta canzoni, una per ogni anno di vita della inimitabile miscela del caffè Kimbo. Dal Festival di Sanremo, dove Fiorella Mannoia cantava Caffè Nero Bollente (1981), Alex Britti dichiarava i suoi 7000 Caffè (2003) e Riccardo del Turco chiedeva all'amata Cos'Hai Messo Nel Caffè (1969), allo Zecchino d'Oro, gara canora per bambini dove, nel 1970, la piccola (tre anni e mezzo) Barbara Bernardi cantava la Ninna Nanna del Chicco di Caffè e dove, l'anno seguente, le bimbe Simonetta Gruppioni e Marina d'Amici cantarono da soliste la filastrocca, piena di rime, Il Caffè della Peppina.

Sanremo e Zecchino d'Oro a parte, sono decine e decine le canzoni dedicate, dagli anni Trenta ad oggi, al caffè. Dal blues alla musica dance, dallo swing al rock'n'roll, dal soul più raffinato al pop da classifica: Red Hot Chili Peppers e Blur, Otis Redding e All Saints, deadmau5 e Spandau Ballet, grandi star e meteore del pop. Senza contare i classici ripresi... a più riprese dai più grandi interpreti. The Coffee Song, scritta da Bob Hilliard e Dick Miles, fu incisa la prima volta nel 1946 da Frank Sinatra ma fu eseguita anche dai personaggi del Muppets Show in una puntata del 1997. Mina lanciò nel mitico programma televisivo Studio Uno la sua brillante versione di Moliendo Cafè, che era stata già un grande successo dell'artista venezuelano Hugo Blanco. Sarah Vaughan ed Ella Fitzgerald si contendono la versione più bella di Black Coffee, standard jazz scritto nel 1948 da Sonny Burke e da Paul Francis Webster che conta decine e decine di interpretazioni.

Naturalmente i napoletani restano tra i migliori a scrivere di caffè: Pino Daniele, dopo la celeberrima Tazzulella 'e Cafè, continua a cantare la scura bevanda in altre sue composizioni, anche recenti. Perciò, l'ultima citazione d'obbligo viene da 'O Ccafè, classico di Domenico Modugno scritto a quattro mani con Riccardo Pazzaglia: Ah, che bellu cafe,

    Ah, che bellu cafè,
    sulo a Napule 'o sanno fa'
    e nisciuno se spiega pecché.
     'na vera specialità!

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 11

29 Settembre - Equipe 84 - 1967

    Seduto in quel caffè
    Io non pensavo a te...

Scritta da Battisti e Mogol, vanta uno degli incisi più noti della musica leggera italiana. Qui il riferimento non è alla bevanda, ma a quella tipologia di ritrovo, appunto: i Caffè, nati all'inizio del Settecento in Europa proprio per consumare l'irresistibile, omonimo infuso. Abbiamo scelto, tra le varie versioni disponibili su You rube, la sequenza che vede Maurizio Vandelli & tutti i soci dell'Equipe in una scena del film I ragazzi di Bandiera Gialla, musicarello che trasse spunto dalla celebre, omonima hit di Gianni Pettenati.

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 15

Anna - Lucio Battisti - 1970

    Hai ragione anche tu
    cosa voglio di più
    un lavoro io l'ho
    la mattina c'è chi
    mi prepara il caffè
    questo io lo so...

Anche Lucio Battisti, attraverso le parole di Mogol, ha fatto più volte riferimento al caffè nelle sue canzoni. In Anna, pubblicata il 15 ottobre del 1970 su 45 giri in coppia con Emozioni (vai a capire qual era il lato "B"!), presupposti per una certa serenità di vita erano appunto: un lavoro, e qualcuno che ti prepara il caffè appena ti svegli. Pare che le cose non siano molto cambiate da allora. Altro riferimento celebre a firma Mogol/Battisti è nella canzone Anche Per Te, dove l'inciso in questione recita: Per te che è ancora notte e già prepari il tuo caffè...

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 39

Coffee Time - Pino Daniele - 2012


    Trova il tempo di prendere un caffè
    Cerca il tempo per stare insieme
    Trova il tempo di prendere un caffè
    Ma perché?
    Its coffee time, it's coffee time...

Da buon napoletano, Pino Daniele è tornato più volte sul tema del caffè: nella canzone Pigro (2004) canta Presto, è già tardi, e ti guardo mentre bevi il mio caffè... Coffee Time è invece tratto dall'album La grande madre.

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 53

'O Ccafé - Domenico Modugno - 1959

    Ah, che bellu cafè,
    sulo a Napule 'o sanno fa'
    e nisciuno se spiega pecchè.
     'na vera specialità!

Non c'è dubbio, è un vero e proprio inno alla sapiente tradizione del caffè fatto a Napoli: tutto il testo, a firma dello scrittore Riccardo Pazzaglia, che con Modugno scrisse anche altre canzoni tra cui Meraviglioso, è un'esaltazione dell'inspiegabile, ma inconfutabile savoir faire tutto partenopeo del caffè. Leggenda vuole che la canzone sia stata "concepita" dalla formidabile coppia in una pausa di lavoro a Cinecittà, dopo che Modugno ebbe degustato, si fa per dire, un orribile caffè "romano": a quel punto Pazzaglia gli confessò che aveva scritto alcuni versi sull'impareggiabile bontà del caffè napoletano. Modugno gli chiese di farglieli ascoltare subito: e questo è il risultato! Ah, che addore 'e cafè...

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 56

Starfisb And Coffee - Prince - 1987

    Starfish and coffee,
    maple syrup and jam
    Butterscotch clouds and a tangerine,
    a side order of ham
    If U set your mind free,
    baby, maybe U'd understand
    Starfish and coffee,
    maple syrup and jam...

Questo brano è incluso in quello che all'unanimità è riconosciuto essere l'album capolavoro di Prince, Sign O' The Times, doppio vinile pieno zeppo di canzoni una più bella dell'altra, tra cui questo allegro andante, con brio funky pop.

| << |  <  |