Copertina
Autore Fritjof Capra
Titolo Ecoalfabeto
SottotitoloL'orto dei bambini
EdizioneNuovi Equilibri, Viterbo, 2005, 1 euro , pag. 62, cop.fle., dim. 105x140x3 mm , Isbn 978-88-7226-898-8
TraduttoreSimonetta Franceschetti
LettoreLuca Vita, 2006
Classe scuola , ecologia
PrimaPagina


al sito dell'editore


per l'acquisto su IBS.IT

per l'acquisto su BOL.IT

per l'acquisto su AMAZON.IT

 

| << |  <  |  >  | >> |

Indice

INTERVISTA A FRITJOF CAPRA
TUTTI GIU PER TERRA/5


TURN, TURN, TURN:
UNDERSTANDING NATURE'S CYCLES/12

GIRA, GIRA, GIRA:
COMPRENDERE I CICLI DELLA NATURA/13


ECOLITERACY:
THE CHALLENGE FOR EDUCATION
IN THE NEXT CENTURY/28

LA FORMAZIONE ECOLOGICA:
UNA SFIDA PER LA SCUOLA
DEL PROSSIMO SECOLO/29


NOTE/55

 

 

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 13

GIRA, GIRA, GIRA:
COMPRENDERE I CICLI DELLA NATURA


Questa conferenza è stata organizzata da un gruppo di persone convinte che «coltivare un orto ricolleghi i bambini alle basi del cibo, integrando e animando praticamente ogni attività svolta in una scuola», com'è indicato nella presentazione. Desidero ampliare ulteriormente il raggio di questa affermazione mostrandovi come la coltivazione di un orto ricongiunga i bambini non solo alle basi del cibo, ma alle basi stesse della vita.

Negli ultimi vent'anni un nuovo concetto di vita, una nuova visione sistemica della vita, è emersa all'avanguardia della scienza. In questa sede non ho il tempo di descrivere per filo e per segno questo nuovo concetto di vita, ma vorrei accennare ad alcuni dei suoi aspetti più rilevanti. L'idea centrale è che esista una configurazione basilare della vita comune a tutti i sistemi viventi siano essi organismi viventi, ecosistemi, o sistemi sociali. La configurazione di base è quella della rete. Esiste una ragnatela di relazioni tra tutti i componenti di un organismo vivente, così come in un ecosistema esiste una rete di relazioni tra le piante, gli animali e i microrganismi, o tra le persone in una comunità umana.

Una delle caratteristiche fondamentali di queste reti viventi sta nel fatto che tutte le loro sostanze nutritive si diffondano tramite dei cicli. In un ecosistema l'energia fluisce attraverso la rete, mentre l'acqua, l'ossigeno, il carbonio e tutte le altre sostanze nutritive si diffondono in questi ben noti cicli ecologici. Analogamente il sangue circola nel nostro corpo, così come l'aria, la linfa, eccetera. Ogni qual volta vediamo vita vediamo anche delle reti; e ogni qual volta abbiamo di fronte delle reti viventi, assistiamo a dei cicli.

Queste tre idee la configurazione a rete, il flusso di energia e i cicli delle sostanze nutritive sono fondamentali per il nuovo concetto scientifico di vita. Gli scienziati le hanno formulate in un complicato linguaggio specialistico. Parlano di "reti autopoietiche", di "strutture dissipative" e di "cicli catalitici". Ma i fenomeni descritti in questi termini tecnici sono essenzialmente la rete della vita, il flusso di energia e i cicli della natura. E questi sono proprio i fenomeni che vengono vissuti, esplorati e compresi dai bambini attraverso la coltivazione di un orto.

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 41

I principi dell'ecologia

Quando il pensiero sistemico viene applicato allo studio delle relazioni multiple che collegano tra loro i membri della famiglia terrestre, si possono distinguere alcuni principi di base. Possono essere chiamati principi ecologici, principi di sostenibilità, o principi comunitari; oppure si possono persino chiamare i fatti essenziali della vita. Serve un programma scolastico che insegni ai nostri bambini i seguenti fatti fondamentali della vita:

che un ecosistema non genera rifiuti, dato che gli scarti di una specie sono il cibo di un'altra;

che la materia circola continuamente attraverso la rete della vita;

che l'energia che alimenta questi cicli ecologici deriva dal sole;

che la diversità garantisce la capacità di recupero;

che la vita sin dai suoi primordi, più di tre miliardi di anni fa, non ha conquistato il pianeta con la lotta ma con la collaborazione, l'associazione e la formazione di reti.

Insegnare questa conoscenza ecologica, che è anche un'antica saggezza, sarà la funzione più importante dell'istruzione nel prossimo secolo.

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 45

L'orto scolastico

Al Center for Ecoliteracy abbiamo visto come coltivare un orto scolastico e utilizzarlo come risorsa per preparare i pasti della scuola sia un progetto ideale per fare esperienza diretta del pensiero sistemico e dei principi dell'ecologia nel momento stesso in cui prendono forma, nonché per integrare il programma scolastico. La creazione di un orto ricollega i bambini alle basi del cibo alle vere e proprie basi della vita integrando e animando praticamente tutte le attività che si svolgono in una scuola.

Nell'orto impariamo a conoscere i cicli alimentari, e integriamo questi cicli naturali nei nostri cicli di semina, coltivazione, raccolta, compostaggio e riciclaggio. Attraverso questa pratica impariamo anche che l'orto, inteso come un tutto, è racchiuso in sistemi più ampi che sono a loro volta reti viventi con i loro cicli. I cicli alimentari si intersecano con questi cicli più ampi quello dell'acqua, delle stagioni e così via i quali sono tutti collegamenti alla rete planetaria della vita.

| << |  <  |