Copertina
Autore Lucio Lombardo Radice
Titolo L'educazione della mente
EdizioneEditori Riuniti, Roma, 1971 [1962], Paideia 4 , pag. 232, dim. 120x182x13 mm
Classe pedagogia , ragazzi , scuola
PrimaPagina


al sito dell'editore








 

| << |  <  |  >  | >> |

Indice

Prefazione                                                11
Prefazione alla 3a edizione                               13

L'educazione della mente                                  15

1.  La nascita della ragione                              17
    Per finta e per davvero, p. 17
    L'ignoto e la paura, p.19
    Gli ammaestrati e gli istruiti, p. 21
    Genitori logici, bambini ragionevoli, p. 21
    La scuola del gioco, p. 22.

2.  Loro vogliono crescere                                23
    Niente «doppia verità», p. 25
    Trovare il linguaggio giusto p. 26
    La città terrena e il paese di fantasia, p. 28.

3.  Uomini con libri e uomini senza libri                 31
    Il gusto della lettura, p. 31
    Conoscere per discutere, p. 34
    Come si studia da soli, p. 35
    I ragazzi e i «massimi problemi», p. 36
    Le grandi imprese del piccolo studioso, p. 37.

4.  La pagina e il «video»                                40
    La TV può ravvivare la cultura scolastica, p. 41
    Zero più zero dà zero, p. 42
    «Quadri» generali sono indispensabili, p. 43
    Dopo il mappamondo, l'enciclopedia, p. 44
    Il «video», presuppone il libro, p. 45.

5.  Il giocattolo più bello                               47
    Un pezzo di carta e una matita, p. 48
    Ragazzi editori e scrittori, p. 49
    Storia di un «cartone animato», p. 50
    Un dibattito registrato, p. 52
    Dove la scuola manca, p. 54
    I piccoli Fabre, p. 55
    Dieci minuti intelligenti, p. 58
    Le preziose «nozioni», p. 61
    Nuovi giochi intelligenti, p. 63.

6.  I compiti di ogni giorno                              67
    L'attivismo estremistico e
        la vanificazione della cultura, p. 67
    La scuola è il loro lavoro, p. 70
    Super-intelligenti che falliscono, p. 71
    Per prima cosa, intensamente, presto, a fondo, p. 73
    Doti naturali e scelta scolastica, p. 76.

7.  L'intelligenza non ha sesso                           80
    «Apartheid» intellettuale delle donne, p. 81
    Come noi le facciamo, p. 82
     ancora molto diffusa la soggezione intellettuale
        della donna, p. 84
    La graduatoria corrente degli «interessi femminili»,
        p. 85
    La maternità è intelligenza, p. 86
    Una persona come noi, p. 87.

8.  Leonardo in ogni fanciullo                            89
    Scienza fanciulla, p. 90
    Il « sommo stolto », p. 92.

Come vediamo il mondo                                     95

1.  Non verità assolute                                   97
    Genitori storicisti e figli dogmatici, p. 98
    Una mentalità scientifica, p. 98
    I conflitti utili, p. 99
    Interpretare storicamente, p. 100
    Come la penseremo domani, p. 101.

2.  Ragione e religione                                  103
    Un nuovo paganesimo nelle scuole elementari, p. 104
    I riti e le idee, p. 105
    Difendere la loro libertà, p. 106
    L'uomo interiore, p. 107.

3.  La fede dei padri e la libertà dei figli             108

4.  I valori comuni                                      114
    Una conclusione è possibile, p. 114
    Difesa dei valori positivi della fede nel solo uomo,
        p. 115
    Chiusura confessionale e apertura religiosa, p. 117
    Scuola pubblica e valori comuni, p. 118
    Il modo della scelta, p. 119.

5.  E dopo?                                              122
    La morte è nell'ordine naturale, p. 122
    Ammesse tutte le atrocità per i «minori di 16 anni»,
        p. 124
    «Nel cuore dei propri figli», p. 125.

6.  Sesso e carattere                                    128
    Informazione serena, affetto intelligente, p. 128
    Il rapporto padre-figlio, p. 131
    Naturalezza dei rapporti, non «esperienza» precoce,
        p. 132
    La coeducazione, p. 135,
    Uno degli aspetti dell'educazione, p. 135
    Alle soglie della giovinezza, p. 137
    Una battaglia ancora importante per la verità,
        contro la «segregazione», p. 137
    Il mito romantico del sesso-natura. Il sesso è
        «seconda natura», natura umana, p. 139
    Tra istinti e seconda natura un conflitto non
        eliminabile, p. 142
    Un atteggiamento serio e responsabile nei confronti
        dell'amore, p. 144
    Né anatema al sesso, né culto del sesso, p. 145.

I ragazzi e la politica                                  147

1.  I discorsi dei grandi                                149
    Educare alle idee generali, p. 150
    Dialogo, non predica, p. 150
    Alcuni grandi temi: l'antifascismo, le lotte per
        l'indipendenza dei popoli coloniali, p. 151.

2.  Dai regni immaginari alle repubbliche di questa terra154
    La cosa piú difficile: la società, p. 154
    Non vogliamo pappagalli politici, p. 155
    Alcune idee generali pre-politiche: pace, indipendenza,
        lavoro, antifascismo, p. 157.

3.  Il primo comandamento                                160
    Il fascismo, negazione del primo comandamento, p. 161
    Fondamento di tutto il nostro vivere civile, p. 162
    Non saranno mai qualunquisti, p. 163.

4.  Né indifferenti né fanatici                          165
    I ragazzi debbono avere delle passioni, p. 165
    La politica è una nobile cosa, p. 166
    Elogio della compromissione e del coraggio politico,
        p. 167
    Non frenare, ma equilibrare, p. 167
    Militanti, ma non settari, p. 168.

La prima scienza                                         171

1.  L'occhio di Leonardo                                 173
    Che cosa è l'ambiente, p. 174
    Poesia della scienza e misticismo della natura, p. 176
    Evoluzione e provvidenza, p. 178
    Metodo e contenuto, p. 181.

2.  La scienza nella scuola e nella società italiana     184
    La riforma del 1923 e la cultura scientifica, p. 184
    La Chiesa e la scienza, p. 186
    Pensiero-spirito e scienza-materia, p. 187
    Nuovi orientamenti, p. 188
    Diversa posizione della scienza nella società italiana,
        p. 189
    C'è una richiesta oggettiva di quadri di tipo nuovo,
        p. 190
    Una nuova battaglia con prospettive piu avanzate, p. 191
    Nuove posizioni conservatrici, p. 191
    Nuovi orientamenti nella politica scolastica italiana,
        p. 193
    Rinuncia alla apologetica tradizionale? p. 194
    Da un certo livello in su... p. 195
    Per una ragione scientifica, p. 196
    Il punto di partenza effettivo: una concezione del
        mondo, p. 197
    Dalla mentalità magica a quella scientifica, p. 198
    Falsità psicologica dell'insegnamento episodico, p. 200
    Agire secondo un piano razionale, p. 201
    Quali programmi? Grave ritardo della didattica delle
        scienze naturali, p. 202
    Il mito dell'ambiente naturale, p. 202
    Troppo basso il livello delle elementari, p. 203
    Un gruppo d'avanguardia nella didattica matematica,
        p. 203.

3.  Insegnamento elementare e scienza d'avanguardia      205

La ragione aperta                                        211

    Non appiattimento della cultura, ma rilievo delle
        rivoluzioni del pensiero, p. 214
    La corrispondenza suoni-lettere ed il principio
        posizionale nel numerare, p. 216
    «Io predico che tra pochi anni si parlerà di astronomia
        al mercato», p. 219
    La concezione galileiana della cultura, p. 221
    Primo: il disinteresse, p. 223
    Disinteresse e coraggio intellettuale, p. 224
    Senza dogmi e senza assoluti educheremo degli scettici?
        p. 227
    Uomini di fede dinamica, progressisti e costruttori,
        p.228.
 

| << |  <  |