Copertina
Autore Lucio Lombardo Radice
Titolo La matematica da Pitagora a Newton
EdizioneEditori Riuniti, Roma, 1971, Paideia 7 , pag. 134, dim. 122x183x10 mm
Classe matematica
PrimaPagina


al sito dell'editore








 

| << |  <  |  >  | >> |

Indice

Avvertimento ai lettori                       9

1.  I numeri                                 11

2.  I triangoli                              27

3.  Le misure                                37

4.  I simboli e i nuovi numeri               55

5.  La geometria diventa algebra             71

6.  Funzioni, derivate, integrali            91

Appendici                                   105

 

 

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 9

Avvertimento ai lettori prima che incomincino a leggere



Quasi duemilatrecento anni fa, quando in Egitto era re Tolomeo I (il quale regnò dal 306 al 283 prima di Cristo), il sapiente greco Euclide scrisse un libro famoso, gli Elementi (di geometria). il libro che, dopo la Bibbia e le opere di Lenin, ha avuto piu edizioni ed è stato tradotto in piú lingue: è stato, fino a qualche decennio fa, il libro di geometria nella scuola media superiore. Ebbene: il re Tolomeo cominciò a leggerlo, ma si stancò presto. Gli costava molto sforzo seguire i lunghi e minuziosi ragionamenti di Euclide. Il re, allora, mandò a chiamare lo scienziato, e gli chiese se in geometria vi fosse, una via piu breve, e meno faticosa, di quella degli Elementi. Al che Euclide rispose che no, che «in matematica non ci sono vie regie».

Per comprendere la matematica occorre far funzionare il cervello, e questo costa sempre un certo sforzo. Non è possibile fare la matematica «a fumetti», non è possibile trasformare la sua storia in una novellina. Chi è pigro di mente, chi non prova gioia nel far lavorare il suo cervello, è meglio che non cominci neppure a leggere. Chi invece non si spaventa per le fatiche della mente, non si scoraggi se qua e là, a prima vista, non capisce, e non pretenda di leggere tutto di seguito; ma legga attentamente, un poco per volta, saltando le cose piú difficili, o facendosele spiegare da chi ha studiato piu di lui.

Importante: Si raccomanda a tutti di tenere a portata di mano un pezzo di carta e una matita, per poter rifare da soli calcoli, disegni, ragionamenti. Si ricorda inoltre che le appendici a cui si fa riferimento nel testo, sono tutte in fondo al volume.

| << |  <  |