Copertina
Autore Stacey C. Sawyer
CoautoreBrian K. Williams, Andrea Carignani, Chiara Frigerio, Federico Rajola
Titolo ICT e società dell'informazione
EdizioneMcGraw-Hill, Milano, 2006 , pag. 204, cop.fle., dim. 17x24x1,3 cm , Isbn 978-88-386-6356-7
OriginaleUsing Information Technology [2005]
LettoreRiccardo Terzi, 2007
Classe informatica , informatica: sociologia
PrimaPagina


al sito dell'editore


per l'acquisto su IBS.IT

per l'acquisto su BOL.IT

per l'acquisto su AMAZON.IT

 

| << |  <  |  >  | >> |

Indice

Prefazione                                                  XI

Capitolo 1  Tecnologie dell'informazione                     1
e della comunicazione e Sistemi Informativi

1.1   Informatica e ICT                                      1
1.2   Il funzionamento dei computer: tre concetti chiave     2
1.3   Internet, il World Wide Web e il cyberspazio           3
1.4   Dove sta andando la tecnologia?                        8
1.4.1 Tre direzioni nello sviluppo dei computer:
      miniaturizzazione, velocità ed economicità            10
1.4.2 Tre direzioni dello sviluppo delle telecomunicazioni:
      connettività, interattività e multimedialità          11
1.5   Computer e comunicazioni: tra convergenza ed etica    11
1.5.1 Qualche ipotesi sul futuro                            13
1.6   I Sistemi Informativi                                 16
1.7   Lo sviluppo dei sistemi                               19
1.7.1 Le sei fasi dell'analisi e progettazione dei sistemi  21
      La prima fase: conduzione di uno studio preliminare
      o di fattibilità                                      21
      La seconda fase: analisi del sistema                  23
      La terza fase: progettazione del sistema              24
      La quarta fase: sviluppo del sistema                  24
      La quinta fase: implementazione del sistema           25
      La sesta fase: manutenzione del sistema               27

Capitolo 2    Hardware, Software e Reti                     29

2.1   Il sistema binario: usare lo stato elettrico
      per rappresentare i dati e le istruzioni              29
2.2   Tutti i computer, grandi e piccoli:
      le varie categorie di elaboratori                     32
2.2.1 I server                                              34
2.3   Hardware                                              34
2.3.1 L'unità centrale del computer                         34
2.3.2 La scheda madre e il microprocessore                  34
2.3.3 Velocità di elaborazione: dai megahertz ai picosecondi36
2.3.4 Il funzionamento del microprocessore o CPU:
      l'unità di controllo, l'unità ALU e i registri        37
2.4   La memoria centrale: RAM, ROM, CMOS e Flash           39
2.4.1 Il funzionamento della memoria cache di primo livello
      (interna) e di secondo livello (esterna)              41
2.5   Le memorie di massa                                   41
2.5.1 Memorizzazione secondaria online                      44
2.6   Porte e cavi per la connessione di dispositivi
      di input e output                                     45
2.7   Hardware di input                                     46
      Le tastiere                                           47
      Dispositivi di puntamento                             48
      Dispositivi per l'introduzione di dati                50
2.8   Hardware di output                                    54
      Output volatile: lo schermo                           54
      Output permanente: le stampanti                       56
      Altri tipi di output: suono, voce, animazioni
      e filmati                                             57
2.9   Il software                                           58
2.9.1 Il software di sistema                                58
      Il sistema operativo                                  59
      I driver: gestione delle periferiche hardware         61
      I programmi di servizio                               61
2.9.2 I sistemi operativi più noti                          61
2.10   Il software applicativo                              64
2.10.1 I vari tipi di software                              66
       Videoscrittura                                       67
       Fogli elettronici                                    67
       Il software per database                             68
       Software speciale                                    68
2.10.2 Il software online e i fornitori di servizi software 70
       I computer di rete: meglio computer "magri"
       o "grassi"?                                          70
       L'evoluzione del software in "affitto"               71
2.11   Le telecomunicazioni                                 72
2.11.1 Canali di comunicazione via cavo: trasmissione
       di dati su mezzi fisici                              73
2.11.2 Canali di comunicazione senza filo:
       trasmissione dei dati attraverso l'etere             74
2.12   Le reti                                              76
2.12.1 I vantaggi delle reti                                76
2.12.2 I vari tipi di reti: reti WAN, MAN e LAN             77
2.12.3 Tipi di reti LAN: reti client/server e peer-to-peer  78
2.12.4 WLAN: una rete senza fili                            80
2.12.5 Internet                                             80
2.12.6 Intranet, extranet: le reti Internet private         84
2.13   Accedere alla Rete e usarla                          85
2.13.1 Scelta del dispositivo di accesso a Internet e
       della connessione fisica: alla ricerca dell'ampiezza
       di banda                                             85
       Modem telefonico (accesso remoto): a bassa velocità
       ma economico e disponibile ovunque                   86
       Linee telefoniche ad alta velocità: più costose
       ma disponibili nella maggior parte delle città       88
       Sistemi wireless: satelliti e connessioni via etere  89
2.13.2 La scelta del provider Internet                      90
2.13.3 Invio e ricezione di messaggi di posta elettronica   91
       Indirizzi di posta elettronica                       91
       Messaggi istantanei                                  92
       Le mailing list: i gruppi di discussione basati
       su messaggi di posta elettronica                     94
2.14   Il World Wide Web                                    94
       Progettazione di pagine Web                          96
2.15   Le altre risorse di Internet: FTP, Telnet,
       i gruppi discussione e la chat                       96

Capitolo 3  L'organizzazione di dati e informazioni         99

3.1    La classificazione e l'organizzazione dei dati       99
3.2    Organizzazione dei file e dei database               101
3.3    Database grandi e piccoli                            103
       Quattro tipi di database                             104
3.3.1  Ricerche sui database                                105
3.4    I vantaggi dell'organizzazione dei dati e
       dei database                                         109
3.4.1  Tipi di file: programmi, dati e altri                110
3.4.2  Organizzazione dei file: le unità dischi,
       le directory (o cartelle) e i percorsi               111
3.4.3  Metodi di accesso ai dati: accesso sequenziale
       e accesso diretto                                    112
3.4.4  Organizzazione dei Database                          113
       Database gerarchici                                  113
       Database a rete                                      114
       Database relazionale                                 114
       Database a oggetti                                   114
3.5    La progettazione di un database relazionale          115
3.5.1   Approccio preliminare al disegno 
        strumenti disponibili                               115
3.5.1.1 Modello Entità/Relazione                            117
3.5.1.2 Modello Relazionale                                 121
3.5.1.3 Traduzione dello schema E/R in schema relazionale   123
        Da entità a tabelle                                 124
        Da relazioni tra entità a relazioni tra tabelle     124
        Vincoli di integrità referenziale                   127
        Semplificazione di una relazione
        di cardinalità molti-a-molti                        128
3.5.2   Anomalie di un database                             131
        Conseguenze di un disegno superficiale              131
        Anomalia di cancellazione                           131
        Anomalia di aggiornamento                           132
        Anomalia di inserimento                             132
        Ridondanza di dati                                  133
3.5.3   Normalizzazione                                     133
3.5.3.1 Prima forma normale                                 135
3.5.3.2 Seconda forma normale                               137
3.5.3.3 Terza forma normale                                 139
3.5.3.4 La normalizzazione e il modello E/R                 142

Capitolo 4  La Convergenza Digitale: passato presente
            e futuro della società dell'informazione        143

4.1     La multimedialità                                   143
4.1.1   Le tecniche e le tecnologie per il digitale         144
        La compressione dei file                            145
        Il testo digitale                                   146
        Le immagini digitali                                147
        L'audio digitale                                    148
        Il video digitale                                   150
4.1.2   Il digitale nell'industria dell'intrattenimento     151
        La TV digitale                                      152
        La radio digitale                                   154
        Il cinema digitale                                  155
4.1.3   Il digitale e le telecomunicazioni                  156
4.2     Le applicazioni dell'ICT negli ambiti della società 159
4.2.1   Cittadini e pubblica amministrazione                159
4.2.2   Sanità e medicina                                   160
4.2.3   Educazione e formazione                             162
4.2.4   Arte e spettacolo                                   163
4.2.5   Commercio elettronico                               164
4.3     Il digitale e le questioni etiche                   166
4.3.1   Questioni di sicurezza: minacce ai computer e
        ai sistemi di comunicazione                         168
        Errori e incidenti                                  168
        Disastri naturali e sociali                         170
        Crimini contro i computer e le comunicazioni        170
        Crimini eseguiti utilizzando i computer e i mezzi
        di comunicazione                                    171
        I virus e i worm                                    171
        Crimini contro la Privacy                           173
        Utilizzo criminale dei computer                     174
4.3.2   Gli strumenti a protezione dei computer e
        delle comunicazioni                                 175
        Identificazione e controllo degli accessi           176
        Riservatezza                                        177
        Integrità dei dati e dei sistemi                    178
4.3.3   Le altre questioni etiche                           179
        Qualità della vita e dell'ambiente di lavoro        180
        Il digital divide                                   182
        Software libero e Open Source                       183

Glossario                                                   185

 

 

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina XI

Prefazione


La tecnologia delle informazioni è ormai diventata un elemento insostituibile delle nostre vite, una delle grandi rivoluzioni del nostro tempo. Procedendo inesorabilmente ridefinisce intere attività, cambiando la natura stessa del lavoro e dell'intrattenimento e modificando il significato delle parole "tempo" e "spazio".

Lo studio dei cambiamenti che tale tecnologia provoca sullo stile di vita di ciascuno non può prescindere dalla conoscenza di base delle tecnologie stesse, al fine di facilitare la comprensione della loro evoluzione. Ogni individuo è chiamato ad essere responsabilmente un attore nell'adozione e nell'utilizzo delle tecnologie informatiche per la propria vita. Pensiamo, ad esempio, all'impatto che ha avuto Internet e la posta elettronica nella comunicazione e nelle relazioni interpersonali, nonché nel cambiamento dello stile di lavoro, indipendentemente dalle ragioni che ne inducono l'utilizzo.


ICT e Società dell'Informazione affronta i principali temi dell'informatica e delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione. rivolto a studenti universitari di facoltà umanistiche e a tutti coloro che vogliono approfondire tali temi senza incorrere in un linguaggio troppo sofisticato o in concetti eccessivamente tecnici. Le modalità di esposizione scelte e gli esempi riportati sono volutamente affrontati in modo "non convenzionale" e certamente non scientifico. Più che alla spiegazione puntuale delle tecnologie e delle discipline informatiche si mira alla comprensione dei fenomeni in oggetto. Ciò soprattutto con l'intento di favorire il diffondersi della "cultura informatica" e quindi di migliorare i processi di apprendimento e di interazione con le tecnologie informatiche, sia nelle fasi di studio universitario, sia per l'utilizzo delle stesse nell'attività lavorativa o nella vita di tutti i giorni. Un'informatica per tutti, insomma, che faciliti la comprensione di questo misterioso oggetto, una "scatola nera", per fruire sempre di più delle enormi potenzialità di calcolo che accompagnano la vita di ognuno.

L'intento degli autori è quindi quello di enfatizzare il crescente peso dell'informatica e delle telecomunicazioni nella vita quotidiana (studio, lavoro, divertimento) e delle potenzialità che le stesse possono esprimere per l'individuo o per le organizzazioni, piuttosto che rivendicare pretese di scientificità nell'affrontare i temi in oggetto. Si consideri tuttavia che, proprio per raggiungere tale obiettivo formativo di introduzione all'informatica, non è possibile prescindere da alcuni concetti di base e da una minima terminologia tecnica utile per migliorare gli stessi processi di apprendimento. Per attenuare i "tecnicismi", che troppo spesso rappresentano un ostacolo al reale apprendimento, il testo è ricco di esempi di applicazione delle tecnologie nei più disparati campi.

Per rafforzare l'efficacia didattica e la comprensione dei temi si consiglia di affiancare lo studio del testo all'utilizzo di sistemi informatici, e in particolare di applicazioni che consentono, in primo luogo, di riconciliare il rapporto "uomo-macchina" e in secondo luogo di comprendere appieno le diverse prospettive di impiego che la tecnologia oggi è in grado di offrire.


Il presente volume è frutto di una collaborazione tra docenti italiani e nordamericani studiosi dei temi di sistemi informativi e di organizzazione. Il contributo ha permesso di condividere esperienze nell'insegnamento e nel trasferimento di conoscenze sui sistemi informativi per studenti con un percorso di studi non di tipo economico-tecnico. Il testo è tuttavia caratterizzato da una forte contestualizzazione della materia informatica nella realtà italiana con continui riferimenti ad esempi tratti dal contesto del Paese.


Il volume si suddivide in tre parti principali. La prima, che corrisponde al primo Capitolo, è orientata a fornire delle nozioni generali di introduzione alla disciplina dei sistemi informativi e alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione. inoltre dato ampio spazio alle logiche e ai criteri che seguono lo sviluppo e l'adozione di tecnologie nelle organizzazioni. La seconda parte, che comprende i Capitoli 2 e 3, ha lo scopo di fornire le basi di conoscenza sulle componenti dell'informatica (hardware, software, reti, database). L'approccio a questi temi è molto prossimo a quello dell'utente di informatica, nella volontà di evitare di affrontare questi temi con un approccio tecnico e ingegneristico. Il Capitolo 4 rappresenta la terza e ultima parte e ha l'obiettivo di affrontare i temi dell'applicazione delle tecnologie della comunicazione e dell'informazione alla società. In particolare si affrontano i contenuti legati al futuro dell'utilizzo del digitale nei diversi contesti di vita (educazione, rapporto con lo Stato, affari, comunicazione, intrattenimento ecc.). Uno spazio rilevante è poi dedicato alle questioni di etica informatica legate sia all'utilizzo improprio o poco razionale delle tecnologie (virus, sicurezza, plagio online, violazione della privacy, crimini informatici, divario digitale) sia al cambiamento di stile di vita per l'utilizzo delle tecnologie (remote working, comunicazione e collaborazione mediatica, gruppi online).

Il testo termina con un ricco glossario di termini informatici che sono considerati di uso comune.

Gli autori italiani

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 143

4

La Convergenza Digitale: passato presente e futuro della società dell'informazione


I computer possono sembrare dispositivi incredibilmente complessi ma, come si è detto, il loro principio di funzionamento è piuttosto semplice, poiché si basano sugli stati elettrici di "acceso" e "spento", si dice che i computer usano un sistema binario costituito da due sole cifre: 0 e 1. Al giorno d'oggi con digitale si intende un metodo di comunicazione o l'uso di informazioni rappresentati da successioni di due stati (ovvero una rappresentazione binaria). Più in generale si lega la parola "digitale" al semplice impiego dei computer.

Il temine digitale si contrappone spesso a quello di analogico.

La maggior parte dei fenomeni ha una natura analogica, ovvero tali fenomeni sono costituiti da variazioni continue della potenza e/o della quantità. Il suono, la luce, la temperatura e la pressione assumono valori continui. Gli stati massimo, minimo e medio sono sempre stati rappresentati tramite dispositivi analogici e non in forma digitale. Fra gli esempi di dispositivi analogici vi sono il tachimetro, il termometro, l'indicatore di pressione dei pneumatici, tutti strumenti che misurano fluttuazioni continue. Per esempio i segnali elettrici in transito su una linea telefonica sono sempre stati rappresentazioni analogiche della voce originariamente trasmessa.

La trasformazione della realtà analogica in forma digitale (detta anche "convergenza al digitale") offre immense opportunità. Una delle più importanti è il fatto che ogni elemento multimediale può essere trasformato in un formato digitale per essere trasmesso a ogni genere di dispositivi.


4.1 La multimedialità

Con il termine multimedialità (dal latino medium = mezzo, inteso come mezzo di comunicazione) si fa riferimento alla combinazione di diversi codici espressivi (audio, video, immagini, testo ecc.) per realizzare un unico oggetto di comunicazione basato sulle tecniche digitali. Ciò è possibile perché tutti i codici espressivi sono realizzati attraverso un medesimo linguaggio: il codice binario.

Il principio di base della multimedialità è rappresentato dalla convinzione che l'integrazione di diverse forme espressive realizzi in modo più efficace il trasferimento di contenuti comunicativi.

I primi oggetti multimediali sono stati creati nell' ambito dell'educazione, dell'addestramento e della formazione. I supporti audio e video utilizzati nei corsi di auto-apprendimento, nonché la realizzazione di format da distribuire su intranet o portali aziendali per il cosiddetto distance-learning, sono solo alcuni esempi. In un secondo momento la multimedialità si è sviluppata anche nell'ambito dell'intrattenimento per la creazione di giochi e videogiochi, ma anche di musica, cinema e TV che si basano su tecnologie digitali.

I contenitori più tipici di format multimediali sono i CD-DVD e il Web. Con riferimento al Web si pensi, per esempio, ai numerosi siti che, oltre al testo, presentano anche immagini o musica.

In molti casi la multimedialità consente di sviluppare strumenti interattivi. L' interattività è la possibilità data all'utente di un prodotto multimediale di poter usufruire dei contenuti digitali non in maniera passiva ma scegliendone forme e modalità di fruizione. L'interattività è una caratteristica fondamentale nell'ambito dei videogiochi, del Web, e, probabilmente in futuro anche della televisione.

| << |  <  |