Copertina
Autore Eugenio de' Giorgi
Titolo Venezia 1516, affittasi monolocale zona Ghetto
EdizioneGiuntina, Firenze, 2007 , pag. 82, bilingue, dvd, ill., cop.fle., dim. 14x20,4x0,6 cm , Isbn 978-88-8057-291-6
LettoreElisabetta Cavalli, 2007
Classe citta': Venezia , teatro italiano , religione
PrimaPagina


al sito dell'editore


per l'acquisto su IBS.IT

per l'acquisto su BOL.IT

per l'acquisto su AMAZON.IT

 

| << |  <  |  >  | >> |

Indice


Prefazione di Umberto Fortis                7

Testo in italiano                           11

Fotografie di Angelo Redaelli               41

English text                                47

Ringraziamenti                              79


 

 

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 13

Scena 1.

Effetti di luce a lampi durante le prime battute. Fuga, urla, cannoni, rumori forti di profughi in fuga.

[Entra l'attore in qualità di narratore]


Affittasi monolocale zona Ghetto, un annuncio come questo non è difficile da trovare nella Venezia turistica di oggi, ma sono sicuro che non fosse difficile da vedere neanche nella Venezia del 1516. Perché proprio il 1516? Perché il 29 marzo di quell'anno è la data in cui è nato il Ghetto di Venezia. «Ghetto»: una parola che per tutti è sinonimo di «luogo destinato agli ebrei», anche se pochi conoscono il significato etimologico di questa parola, che trova la sua origine proprio a Venezia, come vedremo dal nostro racconto, che inizia però qualche tempo prima, dalla Spagna. Dove intorno al 1490 operava un frate domenicano, un certo Tommaso di Torquemada, che era stato appena assunto da quella istituzione nuova di zecca chiamata Inquisizione. Pensò di mettersi subito in evidenza proclamando un editto che prevedeva il battesimo forzato o l'immediata cacciata degli ebrei da tutti i territori governati dalla Spagna.


(Editto registrato)

«Marzo 1492, ogni ebreo non battezzato deve lasciare entro quattro mesi tutte le terre sotto la dominazione spagnola, e anche la Sardegna e la Sicilia!»


MOIS╚ - Socorso... Nos matan... Socorso!... Escapa adelante... Escapa... le valigie, i bauli, la mamma, il papà. il nonno... la nonna!

DAVID - Che pasa? ... Che cos'è tutta questa agitazione? ... Los cristianos... No, no, no... Los musulmanos... No, no, no... toh! Un ebreo... ehi! Moisè, che suerte, che passa? Cosa fai con le valigie in mano, vai in vacanza?

MOIS╚ - Che vacanza? Non hai sentito l'ultimo editto di Tommaso di Torquemada?

DAVID - No! Che editto!?

MOIS╚ - Ogni ebreo non battezzato deve lasciare i regni di Castiglia, Aragona e tutti i territori dominati dalla Spagna subito, dentro de esta noche! E tutti quelli che restano in Espa˝a vengono presi e battezzati con la forza e chiamati marrani!

DAVID - Marrani? Cosa vuole dire marrano?

MOIS╚ - Porco! Cosa sporca e proibita!

DAVID - Ahi! Che no! Non voglio essere battezzato porco!

MOIS╚ - E allora adelante vamos al mar, via, via, escapa...

DAVID - Ma no puedo! Està lontano, la casa, la roba. La campana suena la media noche! Ahi! Che no, io ti battezzo nel nome del Padre... che no, del Figlio... che no, e dello Spirito Santo... che no, quiero el bautišo! Amen! No... no... gronk... gronk... gronk... carramba, m'han batezà, ahora soy puerco, marrano! puerco!


Scena 2.

[Narratore]

Porco, marrano, maiale anzi, maialetto ancora più dispregiativo! Questo era il nome dato a quegli ebrei che venivano battezzati con la forza, ma restavano ebrei in privato. Come il nostro personaggio Giuseppe Francioso, giovane di vent'anni che, dopo il primo battesimo, a causa della sua vita precaria, si fece battezzare anche lui, sì ma... diciamo che prese fin troppo alla lettera l'invito a convertirsi! Si fece battezzare quattro volte! In questa scena immaginiamo che Giuseppe Francioso, il marrano, s'incontri, in uno dei suoi tanti viaggi, faccia a faccia, con il Papa di allora Alessandro VI, un Borgia, persona corrotta, interessato alla politica, debole al sesso, che ebbe almeno sette figli, e faccia a faccia anche con il terribile Tommaso di Torquemada, che si era recato dalla somma autorità pontificia Alessandro VI per ricevere il giusto plauso per la sua opera d'Inquisitore.


TOMMASO - Emminenza, papà, scuseme, Papa, diseme, insegneme, cossa posso far subito contro sti ebrei?

PAPA - Calma, calma, Tommaso, quanta impazienza, gavarè tutto el tempo.

TOMMASO - Ma mì fremo dalla voggia...

PAPA - No preocupeve che no manca la zente da giustiziar.

TOMMASO - Ma mi, voggio i ebrei, g'ho un qualcossa quando li vedo, me vien l'orticaria, devento rosso, stciopo, se no fasso subito qualcossa, crepo! Sono troppo buono.

PAPA - Ma me par che in Spagna ti gà incomincia ben, in un attimo, ZUM, via, tutti fora, no ghe più gnanca l'ombra de un ebreo...

TOMMASO - (modesto) ... Si, xe vero, maaa, de più, voggio de più!

PAPA - No esagerar... aahh... ahh... aahhh... Ti vien giusto a proposito, adesso i me porta un ebreo desgraziò, da interrogar, cussì se divertimo un po'. Vardalo là!

TOMMASO - Guarda come s'è caga adosso!

PAPA - Shhhh! Nascondeve de drio, vardè ben, e impara!

TOMMASO - Che ben, che ben, grazie, grazie...

PAPA - SSTTtttttt... Silenzio ch'el riva... donca, donca... varda el nostro maial?

MARRANO - Oè, pian coi termini, marrano ancora ancora... ma maial!

PAPA - ╚ la stessa cosa, maial e marrano!

MARRANO - Orpo, incomincemo ben, ma a mi me par de cognosserve... seu Inquisitor?

PAPA - De più, de più...

MARRANO - Grande Inquisitor?

PAPA - De più, de più...

MARRANO - Supremo Inquisitor?

PAPA - De più, de più...

MARRANO - Magnifico Inquisitor?

PAPA - De più, so' Papa!

MARRANO - Sì... Papa...?!

PAPA - Sono papa Alessandro VI!

MARRANO - Ah, ol Borgia?! Quelo che ghe piaseva le done e che gà avuo sette putei e che dopo...

PAPA - Silenzio! Ho savesto che ti gà qualche problema co l'Inquisizion!

MARRANO - Mi? Con l'Inquisizion? Ma no... amici!

PAPA - Amici... ti cognossi Tommaso de Torquemada?

MARRANO - Tomaso... Tomaso...

PAPA - de... Torquemada.

MARRANO - Sì lo spagnolo. Ma sì quello bono come il pane, quel bravo puteo, simpatico, amico degli ebrei!

PAPA - Amico degli ebrei?!

TOMMASO - mi no so' amigo degli ebrei?!

PAPA - Tasi! Lo so, Lo so... Bono? In che manera?

MARRANO - Generoso. Gà lavà la crapa a tutti gli ebrei. Mica con l'acqua normale, con l'acqua santa.

PAPA - Tasi maial, el battesimo è un sacramento!

MARRANO - Lo so! Lo so! So sta bateza anca mi.

PAPA - Ah davero?

MARRANO - Si! La prima volta me ciamavo, essendo ebreo, Aròn, e me gà messo nome Jacomo, la seconda volta a Modena, Paulo, la terza a Ravenna, Battista, la quarta alla badia di Monsignor Loridan, Francisco.

PAPA - Ben ben ben, quante volte te gà fatto batezar?

MARRANO - Quattro.

PAPA - E no ti gà vergogna?

MARRANO - Son poche? Lo sapevo... Ma se volè io sono qui a disposizion, anzi go gusto, profitto anca per farme netar la crapa co l'acqua fresca, santa...

PAPA - Silenzio! Ti gà tolto, perdoneme Segnor, per ol culo la ciesa cristiana e anca la religion ebraica!

MARRANO - No la xe andada proprio cussì, gavevo necessità, gavevo i sensi de colpa. Magari una volta sola xe poco, disevo, e via un'altra. Volevo esser ancora più cristian dei cristian.

PAPA - No dir semensie. Rispondi, ti xe ebreo o cristiano, derentro al cuor, derentro ai sentimenti?

MARRANO - Miii...

PAPA - Atento a dar risposta ben! O te consegno all'Inquisizion che...

TOMMASO - ...Te scuoia te brusa te squarta te mete soto tera, te tira fora te..

PAPA - (interrompendolo) Silenzio! Sempre esagerato tu, stai calmo, non bisogna strafare! Quante volte te lo gò ditto? Cattivi sì, ma cristiani!

TOMMASO - Sì, cristiani, cristiani...

PAPA - Dopo te ciamo, dopo... stà bono. (All'ebreo) Allora? Che risposta ti me da?

MARRANO - No no pietà pietà digo tutto digo tutto! Me ciamavo, come ve gò ditto, essendo ebreo, Aròn, l'Inquisizion ha ditto: basta ebrei! Solo cristiani. E via se son messi a battezar a destra e a manca come matti, no se capiva più gnente, se vedeva crape da la matina alla sera, eee... giù nell'acqua: mi te batezo Gioan, cristian, maial, fora, avanti un altro, un altro, un altro, e l'è arrivà el mio turno. Mi te batezo col nome de Luca!... Ma no! Cossa ti gà da protestar? Gnente... ma Luca no me piase, xe corto Luca, podaria aver un'altro nome, per esempio, Jacomo, me piase de più! Mah? (Si fa subito il segno della croce)... Jacomo... bravo (commosso)... un altro pastore della chiesa, te batezo Jacomo! (Gli da un bacino). Me ciamo Jacomo... oh! Per stò batesimo ho tolto 'na mancia de quatordeze soldi e sò anda a putte e a imbriagarme fino all'alba! Me sò desveggià e no gavevo più un quattrin. Orpo, gò ditto, e adesso, come fazzo a viver... Scusi savè dove i bateza oggi i ebrei? ...A Modena? Xe lontan? ...Ostrega, va ben grazie. Fiorenzuola, Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena... Arivo a Modena giera tanta de quela gente, na fila. Ho aspetà do ore e meza. Finalmente ariva ol me turno. Mi te batezo col nome de Luca... e ma alora! ... tossa? No me piase Luca, podaria aver un altro nome, par esempio, Paulo? Mmhhh!... Paolo... (Si fa subito il segno della croce) ...bravo (commosso)... un altro pastore della chiesa, te batezo Paulo! (Gli da un bacino) ... Stavolta no gò ciapà la mancia de schei, ma gò magnà par un mese a scrocco. Carne, pesse, luganeghe, polenta, vin, vin a volontà, graspa, done... quele sempre... e po... e po... me sò trovà in mezo alla strada co lo stomego ancora impienido, ma senza schei! Bon, stavolta dove vado? ...Scusi, savè dove i bateza oggi i ebrei? No? Scusi, savè dove bateza oggi i ebrei? A Ravenna! ...Xe lontan? De là, ostrega. Bologna, Imola, Cesena, Forlì, Ravenna, arivo a Ravenna, ma no! Giera na fila, el doppio de quela de l'altra volta! Finalmente arriva ol me turno. Mi te batezo col nome di Luca... Noooo!!!! ... cossa? Nooo! Luca no me piaseeee, no me piaseeee! Va ben, va ben, che nome ti vol? ... Battista! Come el Gioan? ... Sì, Batista, come el Joan... e voggio anca do scudi d'oro, anzi tre! ... Va ben, va ben, possio adesso... No! Fazzo mi! Me ciamo Battista e me batezo da solo! Mi me batezo Batista. E via festa de novo: done, magnar, bevar, vestiti eleganti, me sentivo Zior! E cussì in t'un botto me sò trova de novo senza gnente! L'ultima volta, la domenega delle Palme, gò pensà, voggio festeggiar anca mi la Pasqua come se deve, come un vero cristian, ma no gò gnente, come fazzo, aahh, no xe miga un bon esempio de cristian de no santificar le feste, peccator! Forza, Jacomo, Paolo, Battista no far l'eretico, gò ditto, ghe vol un altro battesimo. Francisco! Stavolta me sò fatto ciamar Francisco, pensando a San Francesco. A mi me piase i nomi dei santi. Ciò se sò cristian, voggio esser anca mi importante, e cussi tutti quando i me vede i dise... ahhh... vu seu Francesco, quel Santo Francesco che parlava co gli oseli? No, no, no esageremo... sò parente... alla longa!... E cussi, col nome de Francisco gò passà la Pasqua. Altro che Pasqua, Quaresima!!! Nessun me dava de magnar, da bevar, no gò magna gnente! Ma vuoi vedar che l'è stà ol nom che m'ha portà mal! ...Ma certo!!! Gavevo sbaglià nome! Francisco nol andava ben a Pasqua, el magnava poco lu, pensava ai oseli, alla natura: fratello sole e sorella luna, ghe voleva un altro nome, el calendario l'è pien de nomi; scartando Luca... Per esempio Benedetto, Antonio, Bonifacio, Alessandro, Enrico, Tommaso...

TOMMASO - Tommaso un corno! Mi Tomaso de Torquemada a nome dell'Inquizizion, per i mancamenti fatti contro il sacramento battesimale e la fede cristiana mi ve condanno: Aròn, in arte, Jacomo, Paulo, Battista, Francisco, a servir nelle galere forzate par vent'anni e se ti provi a scapar te impicco, te squarto, te fazzo a tocchi, te magno te cago e te batezo! Ebreo!... Marrano!... Maial!...

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 33

Scena 7.

(Registrato)

«Affinchè visualmente apparisca non esservi una separazione tra gli ebrei e gli altri cittadini di questa città, abbiano prontamente a levarsi le porte che in passato chiudevano il recinto del Ghetto. Venezia, 7 luglio 1797.»


DAVID - Viva la libertà! Semo fora, semo liberi, viva la libertà! el Gheto è finito! ╚ finita la segregazione, hanno tolto le porte, hanno levato le porte! Viva la libertà! Viva la libertà! Varda varda tutti che fan festa, che bello... varda chi ghe xe!

MOIS╚ - Chi l'è quelo?

DAVID - Come chi xelo? Quelo col capelon, el brasso derentro alla camisa... quelo l'è ol Napoleon!

MOIS╚ - Ostrega, el Napoleon! (musica francese) Vive Napoleon, vive la France! Merci beaucoup, à bient˘t, ah! Che belo, come se stà ben!

DAVID - Varda, tutti che i se basa, i dansa insembia, i soldai italiani con queli francesi, evviva! Varda chi ghe xe anca?

MOIS╚ - E quelo chi l'è?

DAVID - Quelo? Se ciama Pier Gian Maria de Ferrari, l'è lu che gà l'orden de butar zo le porte del Ghetto, varda che arie che se da!

COMANDANTE - Oè, oè... Via... via... largo... lasseme passar... sò mi el capo del battaglion... toca a mi de buttar zò le porte del Ghetto... varda i francesi come i me varda... devo far bella figura... Soldai!... Attt... tenti... Riii... poso... Presentat... arm!... bravi... per fila destra... marsch... per fila sinistra... marsch... varda, varda i francesi che arie che se danno... Un... deux... un... deux... ocio, ocio, Plufff!!!, l'è casca in canal!... Fioi, intanto che i francesi i noda co le pantegane, noialtri butemo zo le porte del Ghetto. Alora, dove i xe i tre deputati della Nazion Ebrea? Daniel Levi Polacco... Daniel Levi Polacco?

DAVID - Presente.

COMANDANTE - Seu vu? Alora bisogna risponder ad alta voze, altrimenti ve lazzo nel Ghetto e no ve fazzo più vegnir fora!... Dai che scherzo! E dopo... Vidal d'Angeli, seu vu, benon! E infine Moisè di David Sullam, seu vu, ben! Vegnì: scoltè... gò l'orden de buttar zò i cancelli... però oggi me sento generoso, sò commosso e lasso a vu questo onor, lo sò, semo stai un po' duri qualche volta, ma savè, quando gira tanti schei, tanti soldi, se perde la crapa, ma adesso xe arriva el momento de dir basta!... Però con orden, tranquillità... calma...

DAVID - AAAAHHH!!!!! forza fradeli... spacchemo tutto, PAC, TRAC, SPATATAC!!!!... Orpo, semo liberi, tutti fora, tutti liberi, vardè vardè i riva, vardè quanti soldai, i se incontra co i Capi... dai forza... PAC, TRAC, SPATATAC!!!!... Vardè i Rabbini come i danza, i deventa matti i se basa coi preveti de S.Geremia e de S.Marcuola... done... omeni... putei... evviva, evviva... l'è finida la prison, l'è brusà ol porton... francesi, italiani, ebrei e cristiani, omeni, femene, puti, putei, i danza insama come tanti fradei! Varda la Galina, la regina del quartiere, oh! Se po' dir che la sò chitara la gà sonà tutta Venezia... Evviva... evviva! Varda Israel Coen, te piaceva la Galina è? Li putani dello Chasser... va, va a far penitenza adesso...

Evviva! ghe vol un albero, l'albero della libertà! Co la beretta de soravia! Evviva!!!!! Il Ghetto xe finio! Anzi! Gò un idea, cambiemo el nome: da oggi se ciamerà: «CONTRADA DELLA RIUNIONE»! Evviva!... evviva!... evviva!...

AUSTRIACO - Eins, zwei, drei...

DAVID - Come i parla sti francesi... bonjours!

AUSTRIACO - Morgen.

DAVID - Xe un dialetto magari!? Benvenuti... Vive la France! Viva Venezia!

AUSTRIACO - Viva l'Austria!

DAVID - Viv... a... l'Au... st... ria?

AUSTRIACO - Ya!

DAVID - Fradei?

AUSTRIACO - Nein! Noi non mischiare con Veneziani e ebrei «longa e subdola mano»! Eins, zwei, drei, eins, zwei...

DAVID - Ma va a remengo Napoleon! Gnanca el tempo de far festa e subito gà donà Venezia ai Austriaci!

MOIS╚ - Cossa femo adesso?

DAVID - Cossa femo?...! Ti vederà de novo tasse, pagare questo e quel altro...


...E così la storia continua e ai vecchi dominatori si sostituiscono i nuovi, e per il popolo ebraico verranno tempi ancora più duri, ma quegli anni del Ghetto rimasero nella memoria come i più straordinari della cultura di questa città unica e meravigliosa: Venezia!

| << |  <  |