Autore Adan Zzywwurath
Titolo Fantaenciclopedìa
Sottotitolo"Il fantastico in Letteratura" - Volume Primo A - L
Edizionemanifestolibri, Roma, 2018 , pag. 664(+668), ill., cop.fle., dim. 14,5x21x3,7 cm , Isbn 978-88-7285-73800
LettoreRenato di Stefano, 2019
Classe storia letteraria , fantasy , fantascienza , esoterismo , scienze improbabili












 

| << |  <  |  >  | >> |

Indice


                    FANTAENCICLOPEDĢA

                       volume primo
                          A - L

        Abbozzo per una introduzione                   XI

I       ADAMO & EVA
        o: I Primi Umani sulla Terra                    1

II      ALDILĄ
        ovvero: La Vita dopo la Vita                   29

III     AMORE                                          53

IV      ANIMA
        (ovvero "Le Anime Dei Vivi")                   73

V       ARTE & LETTERATURA                             95

VI      ASTUZIE
        (con i Piani d'Evasione e le "Vie d'Uscita")  131

VII     ATROCITĄ                                      147

VIII    AUTOMI & MACCHINE                             187

IX      BESTIARIO                                     225

X       CIELO & INFERNO DEI CREDENTI                  263

XI      DIAVOLO                                       315

XII     DIO                                           339

XIII    DUELLI                                        409

XIV     ERBARIO, VEGETARIO
        (Piccolo Almanacco di Botanica)               441

XV      FANTASMI
        (ovvero: I Morti intesi come Spiriti &
        altre Apparizioni)                            441

XVI     GIUOCHI                                       511

XVII    GIUSTIZIA
        o "DEI DELITTI E DELLE PENE"
        (Leggi, Ordinamenti, Codici Penali e Civili,
        & Giudizi in Tribunale)                       535

XVIII   LIBRI                                         579

XIX     LUOGHI FANTASTICI                             609


                      volume secondo
                          M - Z

XX      MALATTIE E MEDICAMENTI
        (Infermità, Malformazioni, Rimedi)            665

XXI     MIRACOLI                                      709

XXII    MORALITĄ LEGGENDARIE
        o LE VIE DELLA PERFEZIONE                     741

XXIII   MORTE                                         773

XXIV    I MORTI
        (intesi come Corpi senza Vita)                813

XXV     IL POTERE                                     833

XXVI    PROFEZIE E PREMONIZIONI                       857

XXVII   SOGNI                                         887

XXVIII  SUICIDIO                                      929

XXIX    VERITĄ E MENZOGNA
        (con un Catalogo di Truffe & Abbagli)         963


        «Z»
        Postfazione                                  1049

        Appendice:
        "IL FANTASTICO IN LETTERATURA:
        PAROLE CHIAVE"                               1053

        Bibliografia                                 1135
        Indice degli argomenti                       1203
        Indice dei nomi                              1261


 

 

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 3

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina XI

Abbozzo per una Introduzione



                                            "Toute vue des choses
                                            qui n'est pas étrange est fausse".
                                            (Paul Valery)



§ 00001

La "Fantaenciclopedia" colleziona Idee e Fatti della Storia che non hanno mai riscosso adeguata fama negli annali.

Č un'Enciclopedia che guarda a tutto l'esistente, a tutto il pensato, dal punto di vista del Fantastico. Certo, di un Fantastico particolare: il Fantastico che "contagia la Realtà".

Il Fantastico, cioè, che si "compromette" e irrompe nella Realtà, per trasformarla.


Scopo della nostra raccolta è dimostrare, attraverso una miriade di "Racconti Insoliti e Curiosi", tutti documentati e tutti realmente accaduti, che Ovvio e Buon Senso, nei casi umani, non esistono, altro che come pregiudizio. Posti di fronte a un'alternativa, uomini e donne, tanto nella Storia con la S maiuscola, quanto nella vita di tutti i giorni, applicano sistematicamente un'altra Logica, un'altra Facoltà di Giudizio. Diventano pionieri, esploratori che cercano vie d'uscita e soluzioni immaginarie e fantastiche alle loro problematiche.

L'Uomo non è un animale razionale, è un animale che usa la Fantasia come mezzo per arginare la Realtà: un Animale, quindi, che "combina" <a>.

Solo così si spiegano invenzioni come la "Macchina che abolisce il Coito per Editto"; il piano del tiranno sanguinario che, volendo distruggere una città, la comprò, casa per casa, dai legittimi proprietari; oppure l'astuzia del vigliacco che si arruolò tra i boia per assaporare il piacere di uccidere personalmente il suo offensore, senza mettere a rischio la propria incolumità; o la cura che si applica alla spada, invece che alla ferita che essa ha inferto <b>; l'inflazionata pratica del "suicidio indiretto", o la legge che vieta a una donna, negli Stati Uniti, di spogliarsi di fronte alla fotografia di un uomo <c>.

Ambrose Bierce , prima di scomparire nel Nulla, scrisse un racconto in cui una sveglia "infrangeva i dieci comandamenti"; sembra un'inarrivabile iperbole umoristica; senonché, molto più seriamente, i suoi contemporanei di Boston, seguaci di Charles Piazzi-Smyth, erano già riusciti a surclassarla, proponendo l'abolizione del sistema metrico decimale, che essi accusavano di Ateismo (vedi la voce: "Luoghi Fantastici / Piramidi").


Questa Potenza Combinatoria cui tutto sembra soggiacere, va in cerca dei suoi colpi d'ala, i suoi rilanci, i suoi rabdomanti e Sperimentatori. Č già Fantastico che qualcuno abbia inventato una "Macchina che dimostra l'esistenza di Dio"; ma ancor più Fantastico - un autentico "Giro di Vite" - è che qualcun altro l'abbia brevettata. L'autore della Macchina, è un certo Socrates Scholfield. Il brevetto, è il numero 1.087.186, - registrato dalle competenti autorità degli Stati Uniti nel 1914 (vedi la voce: "Automi & Macchine").


Nella Fantaenciclopedia ci sono centinaia di aneddoti autentici di questo tipo, la maggioranza dei quali prescelti per la loro bellezza "letteraria". Ci sono i Fatti, e ci sono i Pensieri. Quando un'Idea corteggia la realtà, e si traduce nella pratica, non lo fa mai in modo inosservato. Spesso, anzi, pirotecnico.

Pensiamo all'irrefrenabile spirito combinatorio delle Eresie, deriva "fantastica" della Gnosi. Pensiamo alle epoche in cui dispute metafisiche su materie labili o risibili, come per esempio, i "nasi", potevano costare la vita a migliaia di uomini <d>.


Parola-chiave del Fantastico è: la "Sorpresa". La presente Enciclopedia mira a sorprendere costantemente il Lettore, la Lettrice: nella convinzione non che la Fantasia superi la Realtà (luogo comune egualmente da sfatare), ma che solo il Fantastico può "svegliarci" dalla Realtà. Considerata come il più potente dei Narcotici.

Vogliamo dunque evidenziare fino a che punto la Fantasia - non il Caso, non la Coincidenza - ma proprio la Fantasia, come "Potenza combinatoria", operi sulla Realtà e riesca a trasformarla. Con l'ambizione di mostrare che gli stessi principi combinatori che sovrintendono al Fantastico in Letteratura, sono diffusi nella Storia, nelle Idee applicate alla Realtà, nelle singole Esistenze.

Lungi dall'essere solo un "genere letterario" imparentato con la Favola, il Fantastico infatti è una "visione del Mondo". Č un criterio, un metodo, una facoltà di "giudizio" cui ricorrono Uomini e Donne nient'affatto irrazionali per affrontare le sfide della vita.


Terminata la lettura (impresa che spetterà probabilmente al solo autore), dalla Fantaenciclopedia si ricava forse l'impressione che la Combinatoria di tutti gli eventi (compresi quelli segreti delle coscienze, o quelli letterari) abbia già esperito tutte le sue possibilità. Non c'è follia, escogitata oggi, che non riveli un antecedente, spesso illustre. Non c'è libro attuale che non sia comparso, in nuce, sugli scaffali di qualche biblioteca del passato. Non c'è storia fantastica che non conti un antesignano; spesso, non letterario, ma cronachistico.

L'impressione è falsa: non è scopo di questa Enciclopedia indurla. Non già che il "nuovo" non esiste, o che l'oggi è solo il riflesso dello ieri, si vuole dimostrare. Ma esattamente il contrario: che solo nell'alveo del Fantastico, cresce, e si protegge, il Nuovo.

Infatti: non c'è Fantastico senza Utopia.


Il Fantastico insegna: non si viene a patti con la Realtà. La Realtà va riconosciuta come tale: quindi, anche con i suoi limiti. Non va idolatrata, non va incensata. Non ci si inchina "davanti" alla Realtà: al massimo "sulla" Realtà, per studiarla meglio e più da vicino.


Questa Fantaenciclopedia non è stata scritta per riferire ciò che già si sa, o si può apprendere solo studiando i libri "giusti". Non è un riassunto; non è un ripasso. Ambisce a essere: uno stimolo per la Fantasia di chi legge.

Presentando l' Encyclopédie eponima, Diderot scriveva: "Č ugualmente nostro dovere indicare le verità scoperte, e le vie che potrebbero condurre a quelle ancora sconosciute". Il nostro intento, la nostra ricerca, sono andati totalmente nella seconda direzione. Con il convincimento, però, che questo tragitto è illimitato.

Poiché il contenuto di questa Fantaenciclopedia, il Fantastico, è infinito, infinita dovrebbe essere anche questa Silloge. Le lacune del Testo, una volta approvata la sua impostazione, sono quindi esibite ed evidenti.

Se davvero ambisse ad essere esauriente, la nostra Enciclopedia - contrariamente a tutte quelle che l'hanno preceduta - dovrebbe tener conto di tutti i libri, tutti i giornali, tutti i manoscritti: del Passato, del Presente, e quelli in Fieri. Ogni Testo esistente potrebbe essere utile, dal punto di vista del "Fantastico", per completarla. Non solo i testi più informati. Non solo i più "scientifici". Un'intera, borgesiana, "Biblioteca di Babele" (refusi esclusi) potrebbe confluire qui dentro.

Spero che qualcuno, apprezzando la chiave d'accesso alla Realtà che ho utilizzato per renderla Fantastica, legga tutti i Libri che mancano, e aumenti col suo contributo la mia iniziativa <e>.


Ho pensato fosse giusto terminare quest'opera aggiungendo un' Appendice - "Il Fantastico in Letteratura" -, che può, forse, servire a giustificarla anche di fronte al critico più severo. Non è un "Sistema", è solo un Abbozzo, una serie di suggestioni utili, spero, a delimitare la materia e, possibilmente, a illuminarla indagando il suo versante letterario. Essa contiene l'essenziale delle mie teorie sul Fantastico, che vado elaborando da qualche decennio e che sono alla base delle ricerche sfociate nell'opera che oggi si pubblica. Si può dire, insomma, che la presente Fantaenciclopedia non sia altro che una voluminosa Postilla a quanto ho esposto stringatamente e in modo discorsivo nell' Appendice. Ho cercato conferme sul "campo" alle mie tesi, almeno a quelle che giudicavo più importanti. Ciò significa che, a rigore, il testo che il lettore o la lettrice si accingono adesso a consultare dovrebbe esser letto a ritroso, partendo dalle pagine finali. Č un invito però che non mi sento di rivolgere a nessuno. Sarei già felice se le mie tesi non passassero troppo inosservate, e venissero eventualmente prese in considerazione per le novità che contengono (se ne contengono).


Da parte mia, posso solo confessare, che non sono neppure un erudito. Un lettore - ne basta uno - se ne accorgerà. Quando penso alla grandezza di certi eruditi (e ne ho conosciuti), sento ritegno a paragonarmi a loro.

Per tutta la vita sono stato, più che un lettore, un domatore di libri. Alcuni li affronto solo quando sono sicuro che riuscirò ad addomesticarli. Altrimenti certi graffi non si rimarginano.


Cito infine, a mia eventuale discolpa, l'immortale Chesterton: "Se una cosa vale la pena di farla, vale la pena di farla male" <f>.






NOTE



§ 00001n

<a> Mi sia concessa un'analogia con la matematica, anche se all'esperto potrà apparire un po' raccogliticcia. La Combinatoria di cui parlo può essere assimilata a una Legge Generale dell'Agire - o del Pensare - umano.

Se si dà il caso, o l'idea: a, qualcuno cercherà presto di ottenere, o realizzare a+b; un epigono farà a+b+c; un pioniere riformerà l' a iniziale tramutandola in d (d+b+c sarà la sua combinazione). Quando i tempi saranno maturi, qualcuno cercherà di ripristinare a+b; ma a+b fatto fuori del suo contesto, in tempi o consuetudini oramai diventati "e", darà un valore, o un fatto, nuovi, ossia "f', e così via, variando le infinite combinazioni possibili.

L'effetto fantastico di questa combinatoria è certo più evidente nella letteratura di genere "abduttivo": il mystery, l'umoristico, il comico, il Fantastico vero e proprio. Ogni scrittore, drammaturgo, regista, cerca di "distinguersi" e di superare i suoi predecessori. Si sperimenta, in tutti i campi, la Novità, la Sorpresa. Ma nelle Vite, nella Storia, vedremo operare la stessa Legge.

C'è un esempio che può essere ricavato dalla storia dei fenomeni "Messianici": Sabbetay Sevi (o Zevi), Messia riconosciuto degli Ebrei nel secolo XVII, giunto all'apice del successo, si convertì all'Islam e rigettò la Legge di Mosè (a+b). Ciononostante, per moltissimi dei suoi seguaci, egli rimase il Messia. Un secolo dopo, Jakob Frank, sabatiano, erede spirituale di Sevi, non appena la sua fama si diffuse tra le disorientate comunità israelitiche d'Europa, superando il Maestro, abiurò anche lui la Legge e, disinteressandosi di Maometto, abbracciò (a+b+c) il Cristianesimo, professando pubblicamente il Vangelo. L'erede più conseguente di Frank, finanziò, sobillandola, la Rivoluzione Francese - che sfociò nel ripudio di tutte le Divinità delle Religioni Rivelate (=, d). Finché fu ghigliottinato insieme a Danton [rimando, per questa storia, al capitolo della Fantaenciclopedia: dedicato a "Moralità Leggendarie: Sabbetay Sevi"].


<b> Questo prezioso esempio di Combinatoria, lo si legge nella nostra voce: "Malattie & Medicamenti". Il nostro problema è: guarire qualcuno, ferito gravemente in un agguato all'arma bianca. Si isolino i quattro attori di questo dramma: il medico, chiamato post festum sul teatro dell'offesa; l'attentatore, se non è scappato; la vittima, che forse adesso rantola; infine, la spada che l'ha vulnerato. Intervenire solo su chi soffre, equivale a chiudere la faccenda chiamando l'ambulanza: è ovvio, puerile, spesso inutile o pericoloso. Una strategia "omeopatica" completa prevede, al contrario, queste ulteriori possibilità: 1) di curare il medico che assiste il ferito, al posto del morente, oppure: 2) curare l'aggressore che non ha subito neanche un graffio, oppure, ancora, 3) agire con un impiastro direttamente sulla lama della spada in modo che si chiuda la ferita. La prima soluzione è praticata dagli indiani Cochiti Pueblo, e in generale, dai popoli cosiddetti "primitivi". La seconda, fu consigliata da Plinio; la terza, è suggerita da Bacone come terapia infallibile. Meno di quattro secoli fa, sir Kenelm Digby, ungeva ancora le spade trafittrici col suo "unguento di simpatia" - ottenendo l'agognata guarigione del ferito. Digby però non si accontentò di seguire pedissequamente i cultori della "magia contagiosa". Intravide in questo quadro clinico un quinto protagonista: la benda con cui il medico tampona la piaga sanguinante. Una volta, spruzzò il suo unguento su una giarrettiera irrorata di sangue con la quale aveva fasciato un suo paziente: la ferita corrispondente, subito si risanò, a distanza. Poiché bendare è già un modo di curare, il cavaliere inglese scelse di "curare la cura". Č quello che sulla falsariga del grande Henry James chiamiamo: un "giro di vite" del Ragionamento Fantastico.


<c> Nei Viaggi di Gulliver di Swift , gli Atti dell'Accademia di Lagado - prodigiosa, vertiginosa operazione di scrittura fantastico-combinatoria - sono interamente suscettibili d'essere tradotti nella Realtà: e lo sono stati davvero, prima, durante, dopo la redazione di quel testo. Che sembra a prima vista solo un esercizio d'umorismo nero e "assurdo". Swift descrive laggiù un maeltro di matematica che fa ingoiare problemi e soluzioni agli allievi, dopo averli trascritti su un'ostia sottile, convinto che quando digeriranno il boccone, impareranno le nozioni ivi contenute. Leggendo la Fantaenciclopedia (vedi la voce: "Libri") si viene a sapere che già nel Cinquecento un diplomatico fiammingo aveva appreso dai Turchi che "i Tartari hanno mangiato i propri libri credendo di assimilarne la scienza in essi rinchiusa". Anche la spassosa Macchina Combinatoria delle Lettere, inventata a Lagado da un lungimirante professore allo scopo di risolvere ogni Quesito possibile, è erede diretta di Raimondo Lullo , della Cabbala, di Galileo e soprattutto della "Giromanzia", pratica divinatoria che consisteva nell'interpretare le lettere scritte a caso lungo un cerchio; o della "Grammatomanzia", che ricavava i suoi presagi dalle "composizioni di lettere comunque ottenute". E di un'altra ben nota mantica, "Logaritmomanzia" - che si basa sull'attribuzione di un numero a ogni lettera dell'alfabeto -, fece tesoro Ferdinand Hilbe, inventore d'una Lingua Universale Numerica degna di Lagado, la "Zahlensprache" [vedi Die Zahlensprache: Neue Weltsprache auf Grund des Zahlensystems... , Der Verfasser, 1897, e Albani, della Bella, Buonarroti, Forse Queneau , 199-200].


<d> Di una famosa Disputa dei Nasi si parla nell' Enciclopedia di Diderot: "Arrivato a Surat, il signor Amquetil trovò i Parsi divisi in due sette animate l'una contro l'altra dallo zelo più furioso [...]. Una di queste sette si chiamava dei vecchi credenti, l'altra dei riformatori. Su quale problema non riuscivano a mettersi d'accordo i membri di queste due sette, che poco mancò bagnassero del loro sangue tutta la contrada? Sulla questione se il penon, cioè il pezzo di lino di nove pollici quadrati che i Parsi portano sul naso in certi periodi, dovesse essere o no messo sul naso degli agonizzanti" [Diderot, voce "Zend Avesta" dell' Enciclopedia, II, 603].


<e> "Les fantaisies humaines se découpent en cent faēons" - ha osservato Montaigne. "Esse non s'arrestano che all'ultimo confine del possibile (aux bornes du possible), e chi volesse descriverle farebbe uno dei più grossi volumi di quelli che si vendono alla fiera di Lipsia". Il Web permetterà di superare anche quei limiti che a Montaigne sembravano invalicabili. La "Fantaenciclopedia" che qui si pubblica è infatti solo la "parte emersa" (sono Estratti) d'un'operazione più vasta e aperta. Spero che lettori e lettrici siano invogliati ad aggiungere (in un apposito sito di Internet) nuovi aneddoti e nuove analisi su teorie del passato o dell'attualità per ampliarne il progetto: segnalando casi tutti veri, tutti accaduti - arricchendo così e spostando, dentro quest'oggetto in sé già così fantastico che è il Web, i confini (infiniti) dell'Immaginazione. Pagando il suo debito ad Internet (senza il quale, non sarebbe stato possibile scriverla, e non sarà neppure possibile leggerla nella sua interezza), la Fantaenciclopedia è destinata ad essere "sfogliata", giudicata, rifiutata dalla Rete: ma soprattutto incrementata dalle sue "voci", dalle sue "osservazioni".


<f> I Paradossi di Mr Pond, 44. Credo sia giusto completare questo "Abbozzo d'Introduzione" con un accenno, deferente, alle mie Fonti. C'è stato un tempo in cui i letterati erano felicemente costretti ad essere enciclopedisti, e ad evocare tutto un mondo di cose, di concetti e eventi, in cui aneddoti come quelli raccolti nella nostra silloge ricevevano un senso compiuto, coerente, e rivelatore. I tempi di Grimmelshausen, Bayle, Voltaire, Diderot, Stendhal, Kleist, Hoffmann, Heine, Flaubert e gli altri grandi narratori moderni, da Chesterton fino a Thomas Mann, a Musil e a Joyce (Finnegans Wake): autori nutriti di curiosità e di stranezze, e per i quali il Reale aveva sempre un risvolto esotico o Fantastico, che l'illuminava. Tutti i nostri Numi tutelati sono stati, di fatto, Enciclopedisti più o meno dichiarati. A cominciare da Montaigne, grandissimo Maestro, da Elias Canetti (e il suo Massa e Potere innervato da meravigliose narrazioni) o dall'ineguagliabile Borges, spirito protettore dell'intera nostra impresa; senza dimenticare Sciascia, Alberto Savinio e Umberto Eco, Italo Calvino con la sua opera "visibile e invisibile", e l'altro loro connazionale Elèmire Zolla, genio sulfureo e inviso, il cui lascito merita d'essere integralmente riscattato da una Critica del Fantastico libera da condizionamenti. Ma le nostre "Voci" hanno saccheggiato anche l'immenso Gibbon. Considerato e riscritto come "Dizionario", nel suo Storia del declino e caduta dell'Impero Romano, c'è già tutto. Nei riti dei cosiddetti "selvaggi" o "primitivi", dai primordi a oggi, nei costumi più stravaganti dei Greci o dei Romani, nelle superstizioni che ancora circolano nel Mondo, si vede certamente all'opera quella che abbiamo chiamato una "Combinatoria Fantastica": per questo, uno dei testi che abbiamo più citato è Il ramo d'oro, di James G. Frazer, venerato Totem di questa Fantaenciclopedia. Il lavoro di Frazer riguarda un "rimosso" culturale comune, e come tale si può apparentare alla ricerca economica di Marx sulla "Logica del Capitale". Ma una maggiore affinità lo lega soprattutto all'opera di Freud: e la similitudine non sfuggì al padre della psicoanalisi. In certo senso mi riprometto, non tanto di dimostrare, quanto sommessamente suggerire, che il lavoro di tutti e tre, pur volendo orbitare nel campo Scientifico, é in quello Fantastico, che ha dato i frutti migliori. Forse Gibbon, Montaigne, Frazer, Canetti, Freud e Borges, segretamente, ambivano scrivere lo stesso, enciclopedico, Libro. Ognuno di loro ci si è avvicinato, per approssimazione. La nostra Enciclopedia vuole mettere in luce cosa avevano in comune tutti questi grandi Spiriti, quando pensavano in termini "Fantastici" o registravano eventi "sorprendenti". Tutti costoro credevano, o sapevano, che la Realtà non è meno Fantastica dell'Invenzione. Proprio perché trae spunti vitali dalla combinatoria dei possibili, e perché non solo aspira ad essere raccontata, ma essa stessa, quando sfiora e magnetizza il Fantastico, si propone direttamente in forma di Racconto.

Ancora una precisazione: quello che qui viene presentato non è un Livre de la Bźtise o uno Sciocchezzaio, anche se deve molto a Flaubert , a Queneau (e ai tre suoi allievi - Albani , della Bella , Buonarroti - di Forse Queneau ), a Americo Scarlatti , Wilcock , Odifreddi , Martin Gardner e Jean-Claude Carrière. L'intenzione nostra, non era certo erigere un monumento all'Imbecillità. La Fantaenciclopedia si propone d'essere un'Introduzione al Fantastico inteso - vedi la nostra Appendice - come una delle Facoltà più alte della Ragione Umana.

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 187






1 - IL SERRAGLIO DEGLI ANDROIDI



§ 08101 I Golem

Gli Automi Meccanici non sono altro che gli ultimi rappresentanti di una favolosa stirpe d'argilla: i Golem. La leggenda dei Golem fu storia "vera" secondo numerosi testimoni.

Č noto che, per i cabbalisti, una determinata combinazione di lettere dell'Alfabeto ebraico poteva creare un Uomo, - sia pure, al momento dei primi esperimenti, non tanto un uomo in carne ed ossa, quanto una creatura terrosa, più o meno obbediente, più o meno muta e un po' bolsa. I dotti ebrei chiamarono questo servo d'argilla: Golem.

Per creare un Golem, non era sufficiente, però, giocare con le consonanti dell'alfabeto ebraico. Avverte Gershom Scholem: "sembra che originariamente il Gòlem potesse venire alla vita solo durante lo stato di estasi del suo creatore" <a>. Per estensione, non suoni blasfemo congetturare che anche Dio, doveva esser preda dell'ebbrezza o estasi, allorché creò l'Uomo e la Donna.

Abramo, ad Haran, creò "persone", afferma Genesi (12, 5), ma lo fece per dimostrare la forza di Dio "di fronte alla gente" <b>. Quale fu la fine di questi mostruosi Lazzari, nessuno ce l'ha detto; elucubrare che, dopo lo spettacolo offerto al volgo, siano finiti nel Nulla, non pare così lontano dalla verità.

Rabbi Rava divenne famoso tra gli Ebrei perché "creò un uomo e lo mandò a R. Zira, che gli rivolse la parola; quello, però, non poteva rispondere: allora R. Zira esclamò: "Sei stato creato con arti magiche; ritorna alla tua polvere"! <c>.

Furono ancora il profeta Geremia e suo figlio Ben Sira a infondere vita in un "Golem" - cioè, confezionarono un Uomo creato da Uomini. Ci vollero tre anni, prima che ci riuscissero. La creatura che avevano formato, per nulla riconoscente, si ribellò e li rimproverò subito così: "soltanto Dio ha creato Adamo [...], non dovete più creare un altro uomo, affinché il mondo non degeneri nell'idolatria". Quel Golem diede loro anche le istruzioni per distruggerlo. Ed essi lo annientarono.

Nello straordinario saggio che uno dei nostri più citati Maestri, Gershom Scholem, ha dedicato alla Kabbalah, si trova un'altra versione della leggenda di Geremia e di suo figlio ben Sira. Entrando più nel dettaglio si narra che i due, dopo tre anni di approfondito studio dello Yetsirah, "si misero a combinare le lettere alfabetiche secondo i principi cabbalistici della combinazione, unione e formazione delle parole, e crearono un uomo che recava sulla fronte JHWH Elohim `Emeth (Dio è la verità), ma nella mano di quell'uomo appena creato c'era un coltello, con cui cancellava la aleph di `emeth: restò allora meth", (morto). Il "Golem" ebbe allora una terribile bestemmia tatuata sulla fronte: "Il Signore Iddio è morto!". Ma, nella versione riferita, un tale oltraggio non lo disintegrava. Anzi, l'automa terroso ammoniva i due sapienti per la loro idolatra pazzia: perché, avendolo creato, meritavano l'accusa d'essersi sostituiti in modo sacrilego a Dio, e, quindi, di averlo in qualche modo ucciso. Dalla favola, forse, può essere tratta questa morale: se l'Uomo comincia a creare, incomincia a uccidere Dio.

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 191

§ 08102 Il Turco Scacchista di von Kempelen

Alla fine del Settecento, il celebre Wolfgang von Kempelen spese numerosi anni della sua vita nella costruzione di un congegno meccanico, alimentato da un mantice, che fosse in grado di articolare alcune parole. Costruì una prima macchina che, però, "farfugliava troppo". Tra il 1781 e il 1790 la migliorò: alla fine, emetteva "una voce simile a quella di un bambino di tre o quattro anni".

Un giornalista tedesco, nel 1782, udì la testa parlare in quattro lingue diverse, compreso il latino. Scrisse: "il tono è gradevole, però pronuncia la erre all'italiana". Una delle frasi che biascicava era: "Madame, venez avec moi à Paris" <a>. Mostruosità come queste, create a bella posta per i baracconi da fiera, non sono infatti mai esenti da una certa imbavosita galanteria.

La "testa parlante" doveva accompagnare nelle sue tournèe il "Turco giocatore di scacchi", uno dei più famosi automi della storia, altra creazione del consigliere Kempelen. L'ingegnere, purtroppo, non riuscì mai a innestare i princìpi e i congegni della sua "testa" miracolosa nella fisionomia del Turco.

L'automa scacchista, drappeggiato all'orientale, restava muto, ma in compenso "sapeva scrivere", in più di una lingua, grazie a un pantografo azionato misteriosamente.

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 201

2 - MUSEO D'ARTI MECCANICHE



"Qui si fa Dio a macchina».

[Kraus, Detti e Contraddetti , 351]




§ 08201 La Macchina che Prova l'Esistenza di Dio

Nel 1909, lo statunitense Socrates Scholfield, originario di Providence (Rhode Island), inventò una Macchina Onto-teologica, le cui tracce si sono disgraziatamente perdute. "L'apparecchio" - così lo descrive J. Rodolfo Wilcock -, "consiste di due eliche di ottone incastrate in modo che, lentamente girando ciascuna intorno all'altra e dentro l'altra, dimostrano l'esistenza di Dio. Delle cinque prove classiche questa è detta la Prova Meccanica".

Nel 1914, la Macchina ottenne dall'U.S. Patent Office il brevetto numero 1,087,186.

Socrates Scholfield non era un pazzo. Una mia ricerca personale, anche se limitata, dimostra che era solo un buon cristiano, devoto, abile meccanico, e che utilizzò tutto il suo ingegno per inventare una macchina "educativa".

Certamente era ossessionato da vortici, spirali, ruote dentate. La Commissione per i brevetti registra il suo nome e le sue invenzioni (decine) almeno dal 1865, anno in cui meritò una medaglia di bronzo per aver realizzato un nuovo tipo di "Regolatore" per pompe azionate da ruote idrauliche. Sembra che poi abbia richiesto il copyright per marchingegni simili, orbitando intorno ai quali dev'essere stato attratto dalla somiglianza di certe forme elicoidali, persistenti, ricorrenti anche in natura, con ciò che riusciva a cogliere dell'Essenza Divina.

Scopo finale e Fede personale di Socrates Scholfield era la "Theology of Mechanicalism": perciò si risolse ad illustrare, in modo "Meccanico", "la specifica relazione che esiste tra le facoltà della Sensazione e dell'Emozione negli organismi animali"; una maniera semplice (così la presentava) per "insegnare le prove evidenti, meccaniche e biologiche, dell'Immortalità".

Il suo dispositivo doveva avvicinare, per approssimazione, il profano all'idea fissa di Dio, spingendolo a comprendere "the essential elements of a supreme everlasting consciousness": "gli elementi essenziali di una suprema, eterna, Coscienza".

Quest'arduo traguardo spirituale è stato raggiunto con un congegno composto di "molle elicoidali intrecciate con manopole alle estremità per manipolarli": e noi non sapremo mai se il marchingegno abbia davvero funzionato, convertendo qualche miscredente. O almeno non lo sapremo, finché l'apparecchio di Scholfield non tornerà in commercio. Se non ho letto male gli annunci sui giornali dell'epoca, le istruzioni per costruirlo costavano molto meno di un dollaro.

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 218

3 - IL TELEGRAFO A LUMACHE PER LA LETTURA DEL PENSIERO




"Zimanski, scienziato tedesco di Tubinga, [...] ha studiato per tre anni le lumache, imitandone il linguaggio e il comportamento, in modo che realmente le lumache lo scambiavano per una di loro".

[Pauwels e Bergier, Il Mattino dei Maghi , 389]




§ 08301

Ne parla di sfuggita Flaubert nel suo immortale Bouvard e Pécuchet: "... In tutta Europa, in America, in Australia e nelle Indie, milioni di mortali passavano la vita a far muovere i tavoli; - e scoprivano la maniera di far diventare profeti i cardellini, di dare concerti senza strumenti, di comunicare con le lumache..." <a>. Quest'ultima espressione, liberata dalla sua ambiguità, significa: comunicare fra loro tramite le Lumache.

Flaubert aveva appreso l'esistenza di uno stupefacente "Telegrafo a Lumache" consultando il libro di Louis Figuier, l' Histoire du merveilleux dans les temps modernes (1860) uno dei più saccheggiati e meno citati tra tutti i volumi che trattano - sia pure scetticamente - di materie fantastiche e esoteriche. Il capitolo in cui si imbattono Bouvard e Pècuchet si chiama "Le lumache simpatiche", e compare nel quarto tomo dell'opera <b>.

I fatti avvennero nel 1850, a Parigi. Nell'ottobre di quell'anno, il giornalista Jules Allix pubblicò un articolo a puntate sulla "Presse" in cui descrisse una complicata Macchina che funzionava a Lumache: la cosiddetta "Bussola Pasilalinica", opera d'un francese, Jacques Toussaint-Benōít (de l'Hèrault), in collaborazione con un americano, di nome Biat-Chretien. L'apparecchiatura si basava su una scoperta sbalorditiva: che la lumaca, universalmente nota per la sua lentezza, potesse invece raggiungere più rapidamente di ogni altro essere vivente l'altro capo della Terra - sia pure, è ovvio, solo col pensiero. La Macchina infatti sfruttava le doti "telepatiche" della bestiolina.

A detta degli inventori, la "Bussola Pasilalinica" era presto destinata a soppiantare il telegrafo. Infatti, era portatile e non aveva bisogno di fili: eppure poteva mettere in comunicazione tra loro, istantaneamente, due esseri umani posti agli antipodi o negli angoli più remoti del pianeta. E tutto ciò centocinquanta anni prima delle "chat" e dei "social network" lanciati da Internet.


Per il buon funzionamento della Macchina bisogna procedere in questo modo: innanzitutto si prende un certo numero di Lumache di una determinata specie, e le si divide in coppie, separandole dalle altre, in modo che simpatizzino fra loro (Allix chiama questo procedimento "mariér ensemble les escargots", ma non bisogna intenderlo alla lettera, trattandosi di invertebrati ermafroditi). Una volta che hanno fraternizzato, le lumache - anche se divise, e poi spedite in paesi diversi, lontani tra loro decine di migliaia di chilometri -, resteranno sempre in perenne comunicazione, grazie alla peculiare qualità, che possiedono, di influenzarsi a distanza. Qualità che í due inventori hanno battezzato "commotion escargotique", la quale non è altro che "I'espressione per così dire elettrica del desiderio dell'animale" d'entrare in contatto col partner da cui è stato separato. Lo stesso vale per gli uomini, o le donne, che aspirano a comunicare tra loro usando, ognuno, il proprio modello di Bussola Pasilalinica: anch'essi debbono provare uno per l'altro una forte attrazione. Questo impasto di fluidi può quindi essere convogliato e captato da un apposito Apparecchio. Che può funzionare - alternativamente - da Trasmettitore e da Ricevitore.

Per testimonianza di Allix, la Bussola a Lumache, all'esterno, è in tutto simile a una bussola marina; tranne per le dimensioni, assai più ingombranti. La macchina è un'enorme buatta - o scatola - squadrata, di legno, alta quasi tre metri, e contiene una pila voltaica che impregna di elettricità le lumache vive, nostalgiche del partner. I molluschi sono letteralmente incollati, a uno a uno, sul fondo di tazze apposite che riposano, come fossero tasti musicali, su una molla sensibilissima a ogni oscillazione, di modo che sia possibile, per l'osservatore, apprezzare qualsiasi movimento della Lumaca - e persino un suo improvviso mostrar le corna - quando diventa preda della "commotion escargotique". A ogni molla - cioè, a ogni tazza -, corrisponde una lettera dell'alfabeto. Il resto, come dice Allix, viene da sé <c>.

Basterà a questo punto che due uomini, due donne, o un uomo e una donna si mettano d'accordo sull'ora e il giorno della loro comunicazione. Che si pongano nel momento stabilito ognuno davanti la propria Bussola Pasilalinica Simpatica. Il congegno può essere azionato manualmente, ma, in concomitanza con fluidi simpatici di quella portata, a regime è sufficiente il solo concorso del Pensiero. Infatti non risulta che le Lumache intendano il significato delle parole umane. Il trasmittente, concentrandosi telepaticamente e intensamente sulla lettera "C", farà "agitare" la Lumaca corrispondente al tasto con quel simbolo. Dall'altro capo del mondo, la "commotion escargotique" farà sì che la Lumaca amica, precocemente separata da lei, colta da raptus, provi la stessa eccitazione. Il tasto "C" della Bussola Ricevitrice oscillerà e chi attende il messaggio ne prenderà buona nota <d>.

Dato che l'uso "militare" e "spionistico" di questa invenzione è evidente, si possono immaginare le terribili conseguenze di una sincope o una morte per vecchiaia di una di queste Lumache, mentre sta comunicando al di là delle frontiere. I messaggi sbagliati, cifrati o non, potrebbero scatenare una guerra <e>.

Le modeste pretese meccaniche, i costi contenuti di mantenimento di questi gasteropodi, uniti ad un insieme di altre qualità civettuole e alla moda, fanno profetizzare a Allix che presto la Bussola sarà in ogni casa francese, come un meuble obligé. Se ne potrebbe persino ipotizzare sul mercato un modello de poche, suggerisce il giornalista. Dipende solo dalla grandezza delle Lumache.

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 225




1 - GIARDINO ZOOLOGICO



«Alessandro, al terzo [dei gimnosofisti] domandò quale fosse l'animale più furbo; rispose: "Quello che l'uomo non è ancora riuscito a conoscere"».

[in Plutarco , Alessandro, 64, II, 289]




§ 09100 Discorso Preliminare (Se Uomini e Animali siano "Commensurabili")

Cosa ci stanno a fare gli Animali? La loro "disponibilità" è un mistero, un indurre continuo in tentazioni, è: un inferno. Infatti sulla Terra, certamente, un Inferno c'è: è quello delle Bestie, e lo denuncia Horkheimer parlando della "indescrivibile, inimmaginabile sofferenza degli animali, l'inferno animale nella società umana, il sudore, il sangue, la disperazione degli animali" <a>.

Dal lavoro quotidiano nei campi, al gabinetto del chirurgo, l'animale è stato sempre destinato a sostituire l'uomo. L'uomo impara a "sopravvivere" dagli ignobili esperimenti sulle bestie. L'animale non impara mai nulla. Questi esperimenti non gli servono.

Č evidente che gli Animali, prima ancora che precederli nelle moderne sale operatorie, in un'epoca preistorica non troppo distante da noi, hanno sostituito gli uomini nei sacrifici destinati a compiacere gli Dèi. Ma è anche vero che gli Uomini hanno, parallelamente, fin dalla notte dei tempi, ammazzato e seviziato le bestie per ottenere favori dall'Ultramondo, ritenendo che esercitare su loro torti e rappresaglie fosse sufficiente a ricattare gli Dèi. Come se l'intero regno animale fosse stato preso in ostaggio dall'Umanità.

Quando, "a causa d'una lunga e grave siccità" la pestilenza o la carestia colpivano l'antico Egitto - narra Frazer -, "i sacerdoti prendevano di notte gli animali e li minacciavano; se il male non cessava li uccidevano". E se "un Mauro ha male alla testa prende spesso un agnello o una capra e la bastona finché cade a terra credendo così di trasferire all'animale il suo mal di testa".

Sembra che le Bestie ci siano state consegnate come prigioniere, affinché soffrano al nostro posto. Sono Medicine che soffrono.

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 236

§ 09108 Mocha Dick, la vera Balena Bianca

Quando Edgar Allan Poe , fatalmente minato da fantasie e alcolismo, colpito da malore durante una sfibrante tornata elettorale, si risvegliò, per un attimo effimero, dal suo coma in ospedale, l'ultima parola comprensibile che pronunciò prima di raccomandare la sua anima a Dio, fu: "Reynolds!". Un grido ripetuto tre volte <a>.

Il nome che il poeta morente evocava, non ho dubbi, doveva essere quello di Jeremiah Reynolds, scrittore, esploratore, ispiratore del suo Gordon Pym - da lui strenuamente difeso nelle circostanze più travagliate. Forse, in quell'estremo giorno, si sentì affine al destino di quest'uomo che raccoglieva solo le briciole dei suoi magnanimi sogni.

Reynolds fu anche il primo che narrò della caccia che fu data nei mari a un'enorme balena bianca, grande come un'isola: un vero Leviatano del Pacifico. Il suo scritto, Mocha Dick, è del 1839. Melville, che ne fu probabilmente influenzato, pubblicò Moby Dick dodici anni dopo.

Come arrivò Reynolds a conoscere la storia, presumibile o vera, di questo mostro marino? Ne ebbe notizia, pare, in una rada del Cile, mentre il suo vascello era all'ancora, impegnato in una delle più demenziali spedizioni della Storia: la ricerca del "Buco di Symmes".

John Cleves Symmes, nel 1818, postulò che i Poli terrestri fossero in comunicazione tra loro, e che la Terra, quindi, fosse cava. Questi due apici del globo - Nord, Sud - non erano stati ancora né scoperti, né esplorati, e la teoria conobbe quindi una notevole diffusione. La tesi uscì poi rafforzata dal successo che ebbe un romanzo utopico sullo stesso argomento, pubblicato, anonimo, nel 1820: Symzonia, a Voyage of Discovery. Qualcuno suggerì che la novella fosse dovuta (almeno in parte) alla penna dello stesso Reynolds, il quale, poco più che ventenne, era già divenuto un accanito sostenitore del "Symmes Hole" <b>.

Dopo una strenua ricerca di fondi, Jeremiah Reynolds organizzò, con un contributo statale ridotto, una spedizione che aveva come mèta l'Antartide. Partì alla ricerca del "Buco" nel 1829, e riapprodò a Boston dopo quattro anni di peripezie. Il Polo non l'aveva raggiunto; l'impresa poteva dirsi fallita, ma non in modo tale da disilludere un entusiasta come lui.

Tornò a bombardare il Congresso degli Stati Uniti con pressanti richieste di finanziamenti. Finalmente, nel 1838, il governo federale approvò una nuova spedizione, stavolta su larga scala; ne diede però il comando a un certo Wilkes, escludendo del tutto Reynolds. L'avventuroso scrittore rimase a terra, in tutti i sensi. Edgar Allan Poe insorse contro il Parlamento, e bollò come "cavillosa" e "scandalosa" la decisione ("a scandalous chicanery").

Wilkes in quattro anni di ricerche non ottenne nessuno dei risultati scientifici sperati. In più, contrariamente a quello che avrebbe fatto il suo precursore, ci lasciò un resoconto piatto e poco illuminante della missione polare che guidava, fin troppo commerciale e pragmatica. Reynolds, era invece un gran prosatore e lo dimostrò pubblicando le sue memorie d'esplorazioni in un libro - Voyage of the United States Frigate Potomac (1835) -, e alcuni altri articoli di genere "esotico". In uno di questi, Mocha Dick, or the White Whale of the Pacific, davvero splendidamente recitato, diede notizia per la prima volta della grande Balena Bianca.


Mocha Dick, cetaceo "di prodigiose forza e grandezza", è - ci assicura lo scrittore -, molto ben conosciuto da chi frequenta l'Oceano, non solo tra i balenieri. Certo, non può passare inosservato. "Per effetto dell'età, o più probabilmente per qualche scherzo di natura - lo stesso difetto che esibiscono gli Albini d'Etiopia - ne è uscito un singolare risultato: è bianco come la lana!". Quando è fermo in superficie, solo l'occhio esperto del marinaio riesce a distinguerlo da una nuvola candida, che si posa sull'orizzonte <c>.

La prima apparizione della Balena bianca datava intorno al 1810. Dopo d'allora, era uscita indenne da miriadi di scontri con l'Uomo, e ne facevano fede le decine di arpioni che pendevano, sul suo dorso, come trofei. Il candido Leviatano era interamente fasciato da un reticolo di cime strappate dalle barche dei balenieri. I ferri che gli gravavano sul corpo, dimostravano però, a detta di Reynolds, che la bestia era, sì, inconquistata, ma nient'affatto invulnerabile.

Un giorno fatidico, nei dintorni di Capo Horn, se ne ebbe la prova. Il vecchio Mocha Dick, provato da mille battaglie, perse la vita in un ultimo assalto, forsennato, di ramponieri. I suoi persecutori ne ebbero ragione perché, come era solito, il gigantesco cetaceo si mise a proteggere i più indifesi della sua specie, esponendosi personalmente agli attacchi. Ma prima di morire, comunque, divelse parecchie imbarcazioni, e affogò molti di quelli che gli davano la caccia.

Reynolds testimonia d'aver ascoltato l'epopea di Mocha Dick dalla viva voce del suo uccisore, un marinaio di Nantucket. Concede, naturalmente, che il racconto sia stato abbellito, ma non mette in dubbio sia veritiero. D'altronde, che guadagno avrebbe tratto lo scrittore a divulgare una fola, o a inventare di sana pianta una storia come questa? Se il racconto era opera di fantasia, l'avrebbe denunciato. Siamo quindi propensi a credergli. C'è del vero, forse, in questa, come in tutte le leggende.

Fatto sta che le favole non vogliono morire. L'enorme balena albina, rediviva, fu di nuovo avvistata qualche anno dopo nell'Oceano Artico. Ci fu chi giurava d'averla incrociata, e che non era un miraggio <d>. Finché venne Melville a spiegarci che non era necessario credere che questo mostro fosse esistito veramente, perché doveva avere una valenza simbolica. E come tale, non poteva morire, e certo non poteva venire ucciso dagli uomini.

Non si può vincere la Balena Bianca; al massimo, si sopravvive per raccontarla. Parole bibliche che il marinaio, che pretende d'essere chiamato Ismaele, pone come epigrafe e suggello al capitolo finale di Moby Dick <e>.

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 448

§ 14108 Piante Fachiriche

Tra i monaci del Medioevo, che nel nome di Cristo si recludevano afflitti e penitenti nelle celle del deserto o nei conventi d'Occidente, vigeva "una cieca sottomissione agli ordini dell'abate, per quanto potessero sembrare assurdi, o anche criminosi". Per cui, secondo Gibbon, non c'era da meravigliarsi se "la loro pazienza veniva esercitata con le prove più stravaganti". Tra le altre c'era anche questa: si comandava loro "d'annaffiare continuamente un bastone secco piantato in terra, finché nel termine di tre anni non attecchisse e germogliasse come un albero" <a>.

A ben guardare, più che un Miracolo, ai monaci veniva richiesto un prodigio che a un Fachiro indiano sarebbe parso pura "routine", un passatempo.

Il viaggiatore francese Jean-Baptiste Tavernier, alloggiato in India presso alcuni amici inglesi, ebbe la curiosità di vedere all'opera i Fachiri, di cui aveva tanto sentito parlare. Questi "ciarlatani" organizzarono per lui uno spettacolo - credo -, ineguagliato, per un Occidentale. Esordirono accendendo un gran falò, dentro il quale resero incandescenti delle catene, con cui poi si fasciarono strettamente il corpo nudo, senza denunciare alcuna sofferenza o ustione. In seguito, presero un piccolo pezzo di legno, lo piantarono nel terreno e chiesero ai presenti che tipo di frutto avrebbero preferito vederne uscire. Fu risposto: un mango. Allora uno dei ciarlatani, dopo essersi avvolto in un grande sudario, si accovacciò, cinque o sei volte, a contatto con la terra. Tavernier, che voleva seguire bene tutta l'operazione, salì una scala, di modo che il suo sguardo, dall'alto, poté penetrare attraverso un'ampia fenditura del sudario. Ciò che vide ha del fantastico.

"Percepii chiaramente - scrive Tavernier - che quest'uomo, tagliandosi con un rasoio affilato la carne sotto le ascelle, strofinava col suo sangue il pezzetto di legno. Ogni volta che si ritraeva, il legno cresceva a vista d'occhio, e, alla terza volta, ne uscirono dei rametti gemmati. La quarta volta, l'albero fu coperto di foglie. La quinta, vidi apparir de' fiori".

Un ministro del culto inglese, che era presente, aveva già protestato "che non poteva consentire a occhi cristiani d'assistere a simili spettacoli, ma poi, quando si accorse che questa gente, da un pezzo di legno secco, aveva fatto scaturire una pianta di quattro o cinque piedi d'altezza, per di più tempestata di fiori, manco fosse primavera, e tutto questo in meno di mezz'ora, si fece un dovere personale di scassare l'alberello a pedate, aggiungendo bruscamente che non avrebbero avuto più accesso alla comunione tutti quelli che fossero rimasti anche un minuto di più a curiosare intorno a cose di tal fatta". La minaccia obbligò i suoi amici inglesi a congedare i ciarlatani, dopo aver loro elargito il controvalore di dieci o dodici scudi, "somma che li rese assai soddisfatti".

Esistono piante che possono venir considerate "Fachiriche", anche al di là di queste ambigue esibizioni: non si tratta d'illusionismo, e neppure d'una truffa. La "Germinazione accelerata" è un fatto scientificamente accertato. Secondo gli studiosi Albani, Buonarroti e della Bella - si veda la loro utilissima enciclopedia Forse Queneau -, questo fenomeno si verifica impiegando, "ad esempio, uno strato di fior di zolfo che fa maturare velocemente il crescione", oppure la corrente elettrica, che com'è noto "affretta lo sviluppo degli ortaggi" <b>.

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 579




LA BIBLIOTECA IMPOSSIBILE



                                        "Prendi questo Libro e divoralo.
                                        Ti causerà dolori di ventre ma avrai
                                        miele nella bocca, masticandolo".

                                        [Giovanni in Apocalisse, X, 93





§ 18101 I Libri prescritti come Dieta

Da Benjamin , trascrivo: "non dimentichiamo che il libro è stato in origine un oggetto di consumo, anzi un alimento" <a>. Non so se il filosofo si riferisse alla pratica, più diffusa di quanto non si creda, della cosiddetta "Bibliofagia".

Se dobbiamo dar credito al filologo belga Octave Delepierre - che nel 1866-67 scrive, sotto le mentite spoglie di Onésyme Durocher, il trattato De la Bibliophagie -, sono davvero numerosi i casi di "Pasti a base di Libri" o somministrazioni per via orale, totale o parziale, di poche pagine o interi volumi stampati.

Grosso modo, i banchetti dei "Bibliofagi" vanno catalogati in tre classi differenti, a seconda che: 1) i Libri siano stati trangugiati dai loro stessi autori, per una qualche disperazione; 2) oppure che si tratti di Libri inghiottiti per punizione d'averli scritti; 3) o Libri e altri componimenti si assumano via gastroduodenale per essere assimilati, come atto sostitutivo, rapido ed economico, della lettura in sé medesima.

Secondo Onésyme Durocher, l'episodio più antico registrato dagli annali pare sia quello di Ezechiele (2, 9-10 e 3, 1-3), che divorò il libro sacro che la mano di Dio gli tendeva. Cercare esempi in tempi più antichi, è ostico: di norma si scriveva su tavolette d'argilla poco appetibili.

Nel Seicento, invece, i casi si moltiplicano: vantaggi delle fibre vegetali impresse a stampa. Uno scrittore scandinavo è castigato, nel 1644, a pasteggiare col suo libello politico Dania ad exteros de perfidia Suecorum, - previa cottura, però, in una zuppa bollita. In questo stesso secolo, il duca di Sassonia, Bernardo il Grande, punì crudelmente il poeta Isacco Volmar che lo dileggiava con le sue satire violente e scandalose. Volmar, rinchiuso nella fortezza di Brissac, fu obbligato a trattenere tra i denti, per un'ora intera, uno dei suoi pamphlets; quindi lo costrinsero a masticarlo e ad ingerirlo.

Nel 1688 il noto giureconsulto tedesco Philipp Andreas Oldenburger, reo d'aver pubblicato un opuscolo considerato pericoloso (Constantini Germanici ad Justum Sincerum Epistola de peregrinationibus Germanorum), fu condannato non solo a trangugiarne le pagine, ma a essere battuto con le verghe durante il pasto <b>.

Infine, ci sarebbero Bibliofagi che in alternativa alla Lettura preferiscono "degustare" i loro Libri preferiti. Ugualmente apprendendo e godendo, non si sa come, il loro contenuto. In questo campo, va citata la testimonianza del diplomatico fiammingo Ogier Ghislain de Busbecq (1522-1592), il quale, seppe da un greco, vissuto a lungo tra i Turchi, che i Tartari hanno inghiottito i propri libri, per immagazzinare nel profondo di loro stessi la scienza e la saggezza di cui abbisognano, e poterne poi usufruire quando più lo desiderano, "in modo da rendere, come gli Dèi, degli Oracoli". Pare si tratti di un evento più proverbiale che reale, ma è pressoché sicuro che, in un tempo antico, più di qualcuno tra i Tartari abbia fatto davvero questa esperienza <c>.

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 582

§ 18102 I Libri Purgati dalle Fiamme


                                        "Se, come vedete, io a volte scrivo
                                        delle cose e poi le brucio, è perché
                                        così posso inviare queste cose per mezzo
                                        del fumo".

                                        [Rabbi Nathan, Chajè Moharan, II, § 2,7,
                                        citato in: Nachman di Breslau,
                                        La Principessa Smarrita, 327]



Il nostro emerito precursore Americo Scarlatti definisce "Bibliolitìa" o "Biblioclastìa" la "distruzione volontaria di opere, fatta da persone interessate a sopprimerle, o dalla Giustizia, o dalla Chiesa o dagli stessi editori e persino dagli stessi autori".

Questa infocata biblioteconomia fu disciplinata e resa sistematica, per la prima volta, dal francese Fernand Drujon, autore di un Essai bibliographique sur la destruction volontaire des livres, ou Bibliolytie <a>.

Ci sono poeti, scienziati e letterati che, in mezzo alla loro vita, o sentendosi prossimi a morire, oppure procurandosi essi stessi di farlo, appiccano fuochi ai loro manoscritti: Kleist, Gogol, Hedayat, Charles Hoy Fort, a esempio. Altri. (Kafka, Virgilio, ecc.), invitano amici ed esecutori testamentari a bruciare le loro ultime fatiche letterarie, al posto loro <b>. Perché lo fanno? Per vanità o per disperazione vera? O per che altro?

Sembrano esserci capolavori scritti solo per finire in cenere, e il falò li attira come fossero falene. Opere estreme che solo le fiamme riescono a leggere e, mentre lo fanno, ne purgano le pagine da chissà quale crimine dell'Ispirazione. Mallarmé - lo ricorda Italo Calvino -, pare "abbia dedicato gli ultimi anni della sua vita al progetto d'un libro assoluto come fine ultimo dell'universo, misterioso lavoro di cui egli ha distrutto ogni traccia" <c>. A riprova che: il libro "Infinito" finisce infinitamente nel fuoco.

Ingenera però una certa confusione mescolare classi così distinte, e porre sullo stesso piano l'Autore pentito, o dubbioso dei propri risultati, e il boja illetterato che, senza aver scritto o sfogliato un libro, senza aver neppure consultato di persona l' Index librorum prohibitorum, li mette al rogo tutti indistintamente - purché glielo ordini l'Autorità -, oppure ancora il fanatico incivile che progetta e esegue spettacoli pirotecnici facendo scempio e falò di qualsiasi esempio di cultura avversa. Soffermiamoci un momento su questa seconda classe di libricìdi o "Bibliolìti".

Bruciare libri è un non-senso per gli analfabeti, eppure tutte le volte che la Storia, imbarbarendo, ha acceso roghi di opere a stampa e no, essi erano in prima fila, leticandosi queste piccole prede indifese con gli intellettuali, che volevano bruciarle per primi. L'odio per i libri ha contaminato anche le menti più illuminate, ottenebrandole: classico, l'esempio di Platone <d>.

Esattamente come ogni Potere (o Sapere) incartapecorito, all'opposto anche ogni Rivoluzione "futurista" ha i suoi libri da bruciare. Alcune Avanguardie, tra loro, si sono spinte fino a desiderare di bruciarli tutti. Tanto è grave il fardello del passato, che, dubitando di riuscire a riscattarlo, si preferisce "abolirlo" <e>.

Si potrebbe continuare all'infinito, tra esempi classici di "Biblioclastìa", oppure dozzinali. Il numero e la qualità dei libri periti tra le fiamme in virtù dell'operato dei boja, degli inquisitori, dei tiranni, dei censori, dei critici professionisti, dei facinorosi, è tale, che nessuna Enciclopedia potrà mai darne conto per intero, pena l'inedia del lettore.

C'è un caso, però, che si ha il dovere di riferire: un evento che riassume e supera ogni altro spaventoso "Pogrom contro i Libri" o "Autodafé libresco" tramato in precedenza dalla Storia: l'Editto di Shih Huang Ti, assoluto e inarrivabile campione dei Biblioclasti.

Shih Huang Ti - la grafia occidentale è incerta - , è il famoso "Primo Imperatore" dei Cinesi ricordato da Hegel <f> e immortalato da Borges per le sue due imprese parallele: "l'edificazione della quasi infinita muraglia cinese" e l'editto con cui dispose "che venissero dati alle fiamme tutti i libri scritti prima di lui". La prova che queste due opere titaniche, all'apparenza estranee, fossero effettivamente correlate, viene fornita a Borges dal sinologo Herbert Allen Giles: chi aveva nascosto un libro, e poi veniva scoperto dagli sgherri dell'imperatore, subito veniva spedito ai lavori forzati nell'immenso cantiere della muraglia. In esso languivano quattro milioni di operai. Secondo Rosa Luxemburg ( L'accumulazione del Capitale , I, 1), ne morirono quattrocentomila; altre fonti, portano il computo delle vittime a due milioni. Naturalmente, la stragrande maggioranza era analfabeta.

La storia del popolo cinese contava già tremila anni: il Primo Imperatore ordinò che cominciasse con lui. Borges ritiene che il rogo dei libri avesse per Shih Huang Ti un significato preciso: eliminare dal Tempo (dal Passato) l'infamia di cui si era macchiata sua madre, donna di costumi indegni. Il Signore della Cina aveva in sospetto e in odio le finzioni della letteratura, che potevano nascondere sotto altri nomi, o ironiche allusioni, le vicende sgradite della sua famiglia. Novello Erode, decretò allora una Strage di Pagine Innocenti.

Scrive ancora Borges, che tanto elevato fu il numero dei letterati che vennero "giustiziati per aver disobbedito agli ordini imperiali, che in inverno crebbero meloni nel luogo dove li avevano seppelliti" <g>.

La distruzione di ogni pagina scritta fu decretata dall'Imperatore in una data incerta, collocabile a metà del terzo secolo prima dell'era volgare. Una donna - racconta Feuillet de Conches - fortunatamente, disobbedì all'editto: grazie alla sua insubordinazione, occidentali e orientali godono ancora della lettura di Confucio <h>.

Contemporaneamente ai roghi divoratori di Libri, Shih Huang Ti fece erigere la Muraglia, e il suo palazzo, dotato di "tante stanze quanti giorni c'è nell'anno". Costruzioni che significavano per lui "una protezione dalla morte; come l'elisir dell'immortalità che a lungo, questo imperatore, cercò" <i>.

Encyclopédiana ricorda che Shih Huang Ti, o Che-Hoang-Ti, mosso dal "proposito di abolire la Memoria dei suoi predecessori, ordinò di abbrustolire tutti i libri che si trovavano nei suoi territori, ad eccezione di quelli che trattavano di medicina, agricoltura e divinazione". Il crudele imperatore li risparmiò, probabilmente, perché erano utili alla sua ricerca della Vita Eterna.

L'impresa biblioclasta, impareggiabile, di Shih Huang Ti, ebbe anche sofisti estimatori. Naturalmente, tra gli scribi e gli intellettuali. Secondo Lezama Lima, quel tiranno non fece altro che istituire "la prova massima che devono subire i libri veramente classici. Essi furono bruciati, ma il loro spirito sopravvisse" <j>.

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 591

§ 18106 Enciclopedie, ossia: "I Libri Zenoniani"

Ci sono Libri, per vocazione, "Infiniti". Sono le Enciclopedie. So che quanto sto per affermare inevitabilmente si ritorcerà contro questa stessa Fantaenciclopedia, tuttavia: ogni Libro che pretende di concentrare tutto il Sapere in una "Summa" si vota all'infinità, e, quindi, all'illeggibilità.

Non ci turba, e respinge, solo il numero incontrollabile di pagine a stampa che sarebbero necessarie, per esaurire ogni branca della conoscenza: è la forma stessa di Sapere Enciclopedico, che qui viene posta in discussione. Un Libro (o raccolta di libri) che "insegue" la sua materia mentre questa non cessa di prodursi, di moltiplicarsi, sembra inevitabilmente condannato alla futilità, o, peggio, a divulgare l'ignoranza.

Č un perenne inseguimento: mentre noi scriviamo tutto ciò che si sa su un certo oggetto, qualcuno ne scopre nuove proprietà, nuove qualità e caratteristiche. Le immagina, le critica, le fraintende: ma pure di questi sviluppi è indispensabile dar conto <a>. Le "Voci" d'un'onesta Enciclopedia devono integrare persino la loro "Eco".

Il Libro Onnisciente, così, diventa zenoniano: un Achille che insegue vanamente una Tartaruga. Come in quel paradosso, per quanto si sforzi d'essere rapida, l'enciclopedia non raggiungerà mai il piccolo salto, il miserabile progresso, che in ogni campo "scientifico" - in quei giorni, o nello stesso istante della sua pubblicazione -, avrà fatto il più stantio e minuscolo degli argomenti che ha trattato.

Gli odierni motori di ricerca di "Internet" rovesciano la prospettiva, ma l'esito è lo stesso. Essi promettono una "simultaneità" con i progressi delle Scienze che non possono mantenere altro che come aspirazione. Rendono più veloci le Enciclopedie, certo, ma aumentano nel medesimo momento, a dismisura, le dimensioni delle Conoscenze Possibili, che un tempo dipendevano esclusivamente dalle scelte dell'editoria. Talché, oggi, nel campo del Sapere enciclopedico, chi si crede Achille in realtà, è Tartaruga.

Terribile sospetto: in genere, qualsiasi Enciclopedia sembra contribuire, più che al Sapere, alla Storia delle Enciclopedie. Detto francamente: ogni riduzione enciclopedica, rischia d'essere una "reductio ad absurdum". Un'incisione ulteriore sull'inconsutile bastone di Chuan-Tzu.

In una raccolta di storie "Zen", troviamo la seguente parabola:

Il re di Persia, Zernir, radunò nella sua corte i migliori eruditi del Mondo, "e chiese loro di scrivere per lui la storia dell'umanità". Dopo vent'anni, gli eruditi avevano scritto cinquecento volumi. Ci vollero dodici cammelli per trasportarli fino alla reggia, dove li attendeva il re. Zemir obbiettò: ho già superato i quarant'anni; "non avrò tempo di leggere tutto prima di morire; preparatemi, ve ne prego, un'edizione ridotta". I sapienti si misero all'opera. Dopo vent'anni, presentarono un riassunto, che tenesse conto anche degli avvenimenti degli ultimi lustri. I volumi furono caricati su tre soli cammelli. Ma il re aveva già superato i sessant'anni. Chiese una versione più breve.

Dopo dieci anni, a Zemir fu sottoposta la Sintesi che pretendeva. Tuttavia, era talmente vecchio, che era diventato quasi cieco. Chiese ai sapienti un ultimo sforzo: ci vollero altri cinque anni, ma tutto il sapere del mondo fu racchiuso in un solo volume. Lo donarono al re che era ormai in punto di morte. Zemir si rammaricò: «"Morirò dunque senza aver saputo nulla della storia dell'uomo?" chiese il sovrano. Al suo capezzale, il più anziano degli eruditi rispose: "Te la dirò in tre parole: L'uomo nasce, soffre e infine muore". In quel preciso istante, il re spirò» <b>.

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 597

§ 18109 Le Biblioteche di Babele



                                        "Avevo sempre immaginato il Paradiso
                                        sotto forma di Biblioteca..."

                                        [Borges, Sette Notti, 122]



La "Biblioteca di Babele", nella sua sesquipedale architettura, contiene tutto quel che può essere "scritto" combinando le Lettere Alfabetiche, cioè, tutto: un numero straripante e imprecisato di pagine stampate (e rilegate in Libri) che registrano ogni incontro, congiunzione, ripetizione, o variazione, dei segni tipografici adottati da qualsiasi Lingua.

Realizzare una tale Biblioteca, anche questo, è un sogno antico. Secondo Plutarco (Questioni conviviali) già il filosofo Senocrate asseriva d'aver contato "in quanti modi si potessero disporre le lettere dell'alfabeto", creando con esse combinazioni, e che "tale numero ammontava a cento milioni e duecentomila" <a>. Sono di più, ma già lo sforzo di immaginarle fu notevole.

"Nel 1622" - ricorda poi Umberto Eco - "Paul Guldin aveva scritto un Problema arithmeticum de rerum combinationibus, in cui aveva calcolato tutte le dizioni generabili con 23 lettere, indipendentemente dal fatto se fossero dotate di senso e pronunciabili, e aveva calcolato che il numero di parole (di lunghezze variabili da due a ventitré lettere) era più di settantamila miliardi di miliardi (per scrivere le quali sarebbero occorsi più di un milione di miliardi di miliardi di lettere)". Guldin studiò anche le caratteristiche d'una congetturale Biblioteca destinata a accogliere una simile, immane, impresa a stampa: "se si disponesse di costruzioni cubiche di 432 piedi per lato, ciascuna capace di ospitare 32 milioni di volumi, occorrerebbero 8.052.122.350 di tali biblioteche. Ma quale reame potrebbe contenere tanti edifici? Calcolando la superficie disponibile sull'intero pianeta, potremmo allogarne solo 7.575.213.799!" <b>. Certo: però, ci rimangono gli Oceani.

L'Utopia di tutti i Libri Possibili era anche allocata nel Cielo degli Spiritisti. Medium-viaggiatori fin dall'Ottocento attestano la babelica presenza di sconfinate Biblioteche in Paradiso, che custodiscono tutto lo scibile, insieme ad ogni opera della Letteratura Universale. Il prolifico scrittore John Oxenham - un sensitivo, che visitò questi edifici durante una visione avuta in sogno - precisa che «"ciascun pensiero, e parola, e atto, di ciascun uomo, donna e bambino fin dal principio dei tempi", e così pure "ciascun libro mai pubblicato, dalle tavolette di terracotta dell'antichità fino all'ultimo romanzo a sensazione appena uscito", è catalogato e messo a disposizione dei lettori celesti» <c>.

Dobbiamo però al genio di Borges , non agli Spiritisti, la sistemazione di questi instabili elementi in una esatta Fantasia. Borges scrive in Finzioni:

"L'universo, che altri chiama la Biblioteca, si compone d'un numero indefinito, e forse infinito, di gallerie esagonali [...]. La Biblioteca è totale e [...] i suoi scaffali registrano tutte le possibili combinazioni dei venticinque simboli ortografici [...] cioè tutto ciò che è dato di esprimere, in tutte le lingue. Tutto: la storia minuziosa dell'avvenire, le autobiografie degli arcangeli, [...] il resoconto veridico della tua morte, la traduzione di ogni libro in tutte le lingue, le interpolazioni di ogni libro in tutti i libri" <d>.

Utilizzando, stampando, pubblicando, tutte le possibili Combinazioni delle Lettere Alfabetiche, la Biblioteca di Babele contiene - già in questo momento - tutti i Libri del Passato, del Futuro, del Presente; nonché tutte le trascrizioni dei fatti dell'Universo - compreso, anche, ciò che non accadrà mai. In essa, come direbbero gli Gnostici, trova spazio "tutto ciò che puoi concepire col pensiero o anche tralasciare di pensare" <e>.

| << |  <  |  >  | >> |

Pagina 1313

____________________________________________________________

                    FANTAENCICLOPEDIA

                   volume primo: A - L

                        SOMMARIO


Abbozzo per una Introduzione
§ 00001                                                   IX
        note                                             XVI


I       ADAMO & EVA
        o: I Primi Umani sulla Terra

1 - Combinatorie
§ 01100 Prodromi                                           3
§ 01101 - § 01102 Babeli                                   4
§ 01103 - § 01104 Il "Pomo Proibito"                       6
§ 01105 Fisiologia del Peccato Originale ("Retablo")       9
§ 01106 Orge                                              11
§ 01107 Dopo la Caduta                                    14
        note                                              15

2 - I Capezzoli di Adamo
§ 01201 - § 01202                                         20
        note                                              25


II      ALDILĄ
        ovvero: La Vita dopo la Vita

Le Prove della Sopravvivenza nell'Aldilà                  31
§ 02100 Passaggi                                          31
§ 02101 La "Prova" Prenatale                              31
§ 02102 - § 02103 La Prova per "Fantasma",
                  o per Apparizione                       32
§ 02104 La Prova per Impunità                             37
§ 02105 La Prova per Sangue e per Feticcio                38
§ 02106 La Prova per Coma e Tunnel Luminoso               39
§ 02107 - § 02110 La Prova "per Appuntamento"             42
§ 02111 Finali Aspettative                                47
        note                                              49


III     AMORE

Storie Esemplari d'Amour Fou
§ 03100 Introduzione: Si annuncia l'Amore come Mistero    55
§ 03101 Agalmatofilia, o: la Passione per le Statue       55
§ 03102 Zoofilia, o: La fuga in Altri Regni               58
§ 03103 Le Audacie Mammellari                             59
§ 03104 - § 03106 Gli Amori d'Oltretomba                  59
§ 03107 Morir d'Amore                                     65
        note                                              68


IV      ANIMA
        (ovvero "LE ANIME DEI VIVI")

1 - Avventure dell'Anima Errabonda
§ 04100 Esposizione                                       75
§ 04101 Psiche, la Leggèra                                75
§ 04102 Trappolatori                                      77
§ 04103 Le Angustie della Perfezione                      78
§ 04104 La Preesistenza alla Nascita                      80
§ 04105 L'Anima che si Reincarna
        (Strategie della Metempsicosi)                    81
        note                                              84

2 - Alexis Didier, l'Uomo-Aleph
§ 04201- § 04202                                          87
        note                                              93


V       ARTE & LETTERATURA

1 - Salon: Guida Illustrata (per Miniature)
§ 05100 Targa di Ingresso                                 97

Sala N° Uno: Esposizione di Pittura
§ 05111 Il Ritratto Acheropita del Cristo                 97
§ 05112 I "Ritratti Viventi" del Giorno del Giudizio      98
§ 05113 Il Granchio di Chuang-Tzu                        100
§ 05114 La Pittura "Verista"                             100
§ 05115 Affreschi di Sangue                              101
§ 05116 Quadri "a Spettro"                               102

Sala N° Due: Accademia di Scultura
§ 05121 Le "Teste a Becco" di Franz X. Messerschmidt     103
§ 05122 Le Sculturine Telepatiche di Charles Littlefield 105
§ 05123 Il Busto del Generalissimo                       107
§ 05124 Statue d'Olio d'Oliva                            108

Sala N° Tre: Le Esibizioni Musicali
§ 05131 La Musica "Visibile"                             110
§ 05132 I Concerti che sostituiscono le Conversazioni    111
§ 05133 Sonatine Bestiali                                112
§ 05134 La Coreografia del Mar Rosso                     115
        note                                             116

2 - La Verifica Perturbante
    (un fatto vero nella vita di Edgar Allan Poe)
§ 05201 - § 05203                                        120
        note                                             129


VI      ASTUZIE
        (con i Piani d'Evasione e le "Vie d'Uscita")

Campionario di Stratagemmi & Diversivi
§ 06100 Premessa                                         133
§ 06101 - § 06102 I Piani Geniali dei Vigliacchi         134
§ 06103 L'Ira di Dio a Comando                           135
§ 06104 Finte Calunnie                                   136
§ 06105 Tribunali Rivoluzionari                          136
§ 06106 L'accortezza del Santo                           137
§ 06107 Lo Scrigno di Combabo                            138
§ 06108 - § 06109 Vademecum per il Delitto Perfetto      139
§ 06110 Segreti                                          141
§ 06111 L'Evasione "Invisibile" di Andronico a Bisanzio  141
        note                                             144


VII     ATROCITĄ

1 - Cronache della Crudeltà (Arsenali & Pionieri)
§ 07100 Per una Critica della Ragione Atroce             149
§ 07101 Aghi (o: Il Bambino-Feticcio)                    150
§ 07102 Animali, in ordine di grandezza                  151
§ 07103 Autotorture                                      152
§ 07104 - § 07105 Bisturi (Le Corti dei Miracoli)        153
§ 07106 La "Poccetta" del Rivoluzionario                 156
§ 07107 Sacre Specie                                     156
§ 07108 La Tortura dell'Immaginazione                    156
§ 07109 - § 07110 Hitler e gli Orrori dei Nazisti        157
        note                                             162

2 - Avventure sul Patibolo
    (Storie di Carnefici e Esecuzioni Capitali)

§ 07201 I Boja dei Boja                                  166
§ 07202 Il Boia ammazzato sul patibolo                   167
§ 07203 Il Boja come Matematico                          169
§ 07204 Le Nozze "Dimezzate"                             172
§ 07205 Riso Liberatorio                                 172
§ 07206 Il Segnalibro                                    173
        note                                             175

3 - In Terra, l'Inferno
    (Un Lamento per l'Esecuzione di Damiens)
§ 07301 - § 07302                                        178
        note                                             186


VIII    AUTOMI & MACCHINE

1 - Il Serraglio degli Androidi
§ 08101 I Golem                                          189
§ 08102 Il Turco Scacchista di von Kempelen              191
§ 08103 L'Anatra di Vaucanson                            193
§ 08104 La "Famigliola" di Jaquet-Droz                   194
§ 08105 Gli Automi nelle mani dell'Inquisizione          195
        note                                             197

2 - Museo d'Arti Meccaniche
§ 08201 La Macchina che Prova l'Esistenza di Dio         201
§ 08202 Congegni che producono Santi                     202
§ 08203 Macchine per Pregare                             203
§ 08204 La Macchina che abolisce il Coito per Editto     203
§ 08205 La Macchina per Stupri di Fronsac                206
§ 08206 Macchine Delatrici                               207
§ 08207 Chassis di Carne                                 207
§ 08208 Macchina "Per Abbracci" di Grandin               208
§ 08209 Le Macchine azionate dai Fantasmi,
        ovverosia: Il "Capitale" Spiritico               209
        note                                             213

3 - Il Telegrafo a Lumache per la Lettura del Pensiero
§ 08301 - § 08302                                        218
        note                                             224


IX      BESTIARIO

1 - Giardino Zoologico
§ 09100 Discorso Preliminare
        (Se Uomini e Animali siano "Commensurabili")     227
§ 09101 L'Alcatrace                                      229
§ 09102 La Bestia Misteriosa di Novalis                  229
§ 09103 La Farfalla accessoria del Vampiro               230
§ 09104 La Gallina ipnotizzata da Athanasius Kircher     230
§ 09105 Il Gatto di Schrödinger                          232
§ 09106 Gli Inquilini delle Fondamenta,
        o: i "Fossili Viventi"                           233
§ 09107 I Mangiatori d'Ombra                             235
§ 09108 Mocha Dick, la vera Balena Bianca                236
§ 09109 Il "Ratto Sventrato", Profanatore delle Ostie    239
§ 09110 Il Rospo dell'Abate Rousseau                     242
§ 09111 L'Uccello Porphyrion                             242
§ 09112 La Vena Poetica dell'Usignolo                    243
§ 09113 Il Verme Divino Shamir, Costruttore del "Tempio" 245
        note                                             247

2 - Rolf e la Saga dei "Cani Parlanti"
§ 09201 - § 09203                                        256
        note                                             262


X       CIELO & INFERNO DEI CREDENTI

1 - Questioni Aperte
§ 10100 Viatico: I Criteri per l'Assegnazione            265

Primo Stabilimento: L'Inferno (Questionario)
§ 10111 - § 10112 Se l'Inferno esista davvero,
        e se si sappia perché c'è                        267
§ 10113 Se si sappia quanti Dannati possa stipare
        lo Stabilimento Infernale                        269
§ 10114 Se Dio stesso possa essere scagliato nell'Inferno262
§ 10115 - § 10117 Quale sia il numero, e la qualità,
        delle Pene inflitte nell'Inferno, e:
        Se ci si possa fare "il Callo"                   273

Secondo Stabilimento: Il Purgatorio (Questionario)
§ 10121 Come sia stato "Inventato" questo Regno          279
§ 10122 Se si sappia che Diavoli ci sono                 281
§ 10123 Se il Purgatorio sia il "Serbatoio dei Fantasmi" 282

Terzo Stabilimento: Il Paradiso (Questionario)
§ 10131 - § 10133 Quali siano i Passatempi di Angeli e
        Beati in Cielo, e di quali Spettacoli lassù si
        gioisca                                          283
§ 10134 - § 10135 Se ci siano "Matrimoni" in Paradiso, e:
        Chi possa accedere ai "Talami Celesti"           289
§ 10136 Se ci siano "Infelici" in Paradiso               292
§ 10137 In che misura i Beati possano dirsi
        "Schizofrenici"                                  293
        note                                             295

2 - Le Visioni di Swedenborg:
    ovvero: Il Paradiso identico all'Inferno
§ 10201 - § 10204                                        305
        note                                             312


XI      DIAVOLO

1 - Segni Particolari
§ 11101 Il Diavolo come Impostore                        317
§ 11102 Il Diavolo come "Riscrittore"                    318
§ 11103 L'Anima e il Demonio                             320
§ 11104 Il diavolo sudaticcio                            321
§ 11105 - § 11106 Esorcismi                              322
§ 11107 Il Patto strambo di Gaufridy                     325
§ 11108 La Tesi di Dostoevskij                           327
        note                                             328

2 - Gilles de Rais,
    ovvero: Il "Patto Diabolico Mancato"
§ 11201 - § 11203                                        331
        note                                             338


XII     DIO

1 - Le Prove di Esistenza (Elenco Ragionato)
§ 12100 Al Varco                                         341
§ 12101 La Prova "Manifatturiera"                        342
§ 12102 La Prova per "Scimmia e Divina Commedia"         344
§ 12103 La prova Epilettica                              346
§ 12104 Le Prove "Zoologiche"                            347
§ 12105 La Prova per Paura                               348
§ 12106 La Fede per Azzardo o per Scommessa
        detta anche la "Prova Morale" di Pascal          349
§ 12107 La "Prova Ambigua" di Kurt Gödel                 351
§ 12108 L' Argomento Negletto
        (o: "Il Metodo Abduttivo" di C. S. Peirce)       353
        note                                             357

2 - Attributi & Limiti di Dio
§ 12200 Prerogative                                      363
§ 12201 L'Innominabile (Excursus sul "Nome di Dio")      363
§ 12202 L'Irreperibile                                   365
§ 12203 L'Artefice Creatore
        (ossia: Il "Tzintzum, anche detto: "Big Bang")   367
§ 12204 Il "Dissociato"                                  370
§ 12205 - § 12206 Il "Limitato"
        (e in particolare: L'Impotente)                  371
        note                                             377

3 - Gesù il Cristo, Salvatore dell'Umanità
§ 12301 Trinità (ossia: Gesù, prima di Betlemme)         382
§ 12302 Il Mistero di Maria, Vergine Madre di Gesù       385
§ 12303 I Tabulati del Golgota                           386
§ 12304 Il Grido di Cristo sulla Croce
        (o: Il Ribrezzo di Gesù)                         388
§ 12305 Il Senso della Morte di Gesù
        (ovvero: Se il Cristo fu Suicida)                390
§ 12306 "Chi" è Morto veramente sulla Croce              393
§ 12307 Resurrezione & Ritorni                           396
§ 12308 L'Evangelizzazione dell'Universo                 398
        note                                             400


XIII    DUELLI

1 - Le Sfide Leggendarie:
    Maestri d'Arme & Vittime
§ 13101 - § 13102 Metafisica del Duello: Mitologie       411
§ 13103 I Davidi contro i Golia                          415
§ 13104 L'Onore del Menagramo                            416
§ 13105 I Duelli per Via Orale                           417
§ 03106 Vietar Noir, o: il Duello che guastò un Impero   418
§ 13107 - § 13109 Duelli Indiani                         422
        note                                             427

2 - Mosè e Robert-Houdin
    o: i Duelli di Miracoli
§ 13201 - § 13202                                        432
        note                                             439


XIV     ERBARIO, VEGETARIO
        (Piccolo Almanacco di Botanica)

Florilegio di Erbe, Alberi & Piante
§ 14101 Achemene o Erba del Vigliacco                    443
§ 14102 Agnus Scythicus                                  443
§ 14103 Alberi Irritabili                                444
§ 14104 Gli Alberi Mesmerici                             444
§ 14105 Le Feste Arboricole Nuziali                      445
§ 14106 Baaras, la Radice che si vendica col Sangue      446
§ 14107 Il Granturco, dagli Appetiti Selettivi           447
§ 14108 Piante Fachiriche                                448
§ 14109 Riso (la Pianta)                                 450
§ 14110 - § 14111 Il Siliquastro,
        cioè: l'Albero di Giuda                          450
        note                                             455


XV      FANTASMI
        (OVVERO: I MORTI INTESI COME SPIRITI
        & ALTRE APPARIZIONI)

1 - Dialoghi coi Morti: Medium, Spiritisti & Revenants
§ 15100 Distinzioni Preliminari                          463
§ 15101 Obnubilamenti                                    464
§ 15102 - § 15103 Nascita dello Spiritismo               466
§ 15104 - § 15105 Esibizionismo,
        o: La Moda degli Spettri                         469
§ 15106 Comunicazioni "Sistematiche"                     471
§ 15107 Suscettibilità                                   473
§ 15108 L'album degli Autografi                          474
§ 15109 Il Medium che bara                               475
§ 15110 Buio Spiritico
        (ovvero: Il Miglior Medico è il Morto)           477
§ 15111 Il "Quid", o il Sostituto Deperibile             480
        note                                             482

2 - Ghirigòri, e altri "Fantasmi di Nessuno"
§ 15200 Suddivisioni                                     487
§ 15201 Gli "Spettri d'Onan",
        ossia: I Figli della Colpa Solitaria             489
§ 15202 - § 15204 Ghirigòri; o i Fantasmi dei non-Nati   492
        note                                             498

3 - Il Fantasma "Acustico"di mademoiselle Clairon
§ 15301 - § 15303                                        501
        note                                             510


XVI     GIUOCHI

1 - La Dimensione Ludica: (Gran Casinò)
§ 16100 L'Accettazione delle Regole                      513
§ 16101 - §16103 Dadi                                    514
§ 16104 Giuochi con le Carte                             518
§ 16105 - § 16106 Giuochi con la Palla                   518
§ 16107 I Giuochi d'Amore
        (considerati come Arti Marziali)                 519
§ 16108 Regate Veliche                                   520
§ 16109 Scacchi                                          521
§ 16110 Tiro al Bersaglio                                522
        note                                             523

2 - Mr Howe o: "la Fedeltà Coniugale"
§ 16201 - § 16202                                        526
        note                                             533


XVII    GIUSTIZIA o "DEI DELITTI E DELLE PENE"
        (Leggi, Ordinamenti, Codici Penali e Civili,
        & Giudizi in Tribunale)

1 - La Durezza della Legge
§ 17100 Le Categorie Umane a rischio                     537
§ 17101 Adùlteri                                         538
§ 17102 Gli Dei Viventi inibiti a Reincarnarsi           539
§ 17103 I Dispregiatori delle Effigi                     540
§ 17104 Illuministi violenti                             540
§ 17105 Legislatori Imprevidenti                         540
§ 17106 I Legislatori privi di Consenso                  540
§ 17107 I Parenti che pregustano l'Eredità dell'Avaro    541
§ 17108 Sarti o Fabbri, Sguàtteri o Cuochi
        (a seconda dell'Uzzo del Padrone)                542
§ 17109 Scrivani che si attardano                        543
§ 17110 Spogliarelliste Dilettanti                       543
§ 17111 I Vestiti alla Moda                              544
§ 17112 Zelanti Gabellieri (troppo Esosi)                544
        note                                             547

2 - Cause Civili & Processi Penali
    (Corti Secolari ed Ecclesiastiche)

Aula N° Uno: I Giudizi "Sovrannaturali"
§ 17211 Il Processo a Dio Onnipotente                    549
§ 17212 L' "Altro" Processo, ovvero:
        gli "Aggiornamenti" in Cielo                     550
§ 17213 Gli Eredi Legittimi di Dio                       552
§ 17214 I Processi Sospesi "Causa Jettatura"             553
§ 17215 - § 17216 Le Case Infestate dagli Spiriti
        (Questioni di Diritto Fantasmatico)              554

Aula N° Due: Lineamenti di Diritto Sessuale
§ 17221 La Sentenza che s'appella alle Favole            559
§ 17222 I Sogni in Giudizio                              559
§ 17223 Se il Diritto Navale possa applicarsi
        al Matrimonio                                    560
§ 17224 Le Cause d'Impotenza                             561

Aula N° Tre: I Tribunali Disumani
§ 17231 - § 17233 I Processi intentati agli Animali      565

Aula N° Quattro: Esercizi di "Giustizia Salomonica"
§ 17241 Il cavillo di Protagora                          571
§ 17242 Il Paradosso di Augusto                          571
§ 17243 Le Sentenze in bilico                            572
§ 17244 Il Santo Protettore                              572
§ 17245 La Grazia peggiore della condanna                573
        note                                             574


XVIII   LIBRI

La Biblioteca Impossibile
§ 18101 I Libri prescritti come Dieta                    581
§ 18102 I Libri Purgati dalle Fiamme                     542
§ 18103 Gli Ultimi Scritti del Profeta Maometto          585
§ 18104 I Libri sbugiardati da Padre Hardouin,
        Denigratore dell'Eneide                          587
§ 18105 Libri Sibillini                                  590
§ 18106 Enciclopedie, ossia: "I Libri Zenoniani"         591
§ 18107 - § 18108 La Bibbia
        (ovvero: il Libro che ha "creato" il Mondo)      593
§ 18109 Le Biblioteche di Babele                         597
        note                                             601


XIX     LUOGHI FANTASTICI
        (Atlante)

1 - Baedeker per Visite Guidate
§ 19101 Il Baratro del Riscatto                          611
§ 19102 L'Inconcepibile "Civiltà di Glozel"              612
§ 19103 Le Isole di Carne                                614
§ 19104 Le Miniere solcate dai Velieri                   617
§ 19105 Il Nilo Perduto                                  618
§ 19106 - § 19107 I Paradisi in Terra                    619
§ 19108 Piramidi d'Egitto                                623
§ 19109 La Terra Cava (Passage)                          625
§ 19110 Oceani di Sangue e Altre Super-Geografie         629
        note                                             632

2 - La "Gabbia" del Trovatello Kaspar Hauser
§ 19201 Una Ballata in forma di Preghiera                639
§ 19202 Il "Ragazzo Selvaggio"                           642
§ 19203 Attentati                                        646
§ 19204 Il Metodo "Maschera di Ferro"                    648
§ 19205 Il "Fanciullo Divino"                            650
§ 19206 "Risvegli"                                       655
        note                                             658
____________________________________________________________

| << |  <  |