"Prima Pagina" di settembre 2008

<< |  <  |  <>  |  >  | >> ]
Cosa ? What is?
Autori ]   [ Classi ]  

Ricerca ]   [ E-mail ]  
scienze cognitive

[ ... per ricevere il memo ... ]
"Prima Pagina" di settembre 2008       [  << |  <  |  <>  |  >  | >> ]







Testo di piacere: quello che soddisfa, appaga, d euforia; quello che viene dalla cultura, non rompe con essa, legato a una pratica "confortevole" della lettura. Testo di godimento: quello che mette in stato di perdita, quello che sconforta (forse fino a un certo stato di noia), fa vacillare le assise storiche, culturali, psicologiche, del lettore, la consistenza dei suoi gusti, dei suoi valori e dei suoi ricordi, mette in crisi il suo rapporto col linguaggio.

Ora, un soggetto anacronistico colui che tiene tutti e due i testi nel suo campo e nella mano le redini del piacere e del godimento, perch partecipa nello stesso tempo e contraddittoriamente all'edonismo profondo di ogni cultura (che entra pacatamente in lui sotto la veste di un'arte del vivere di cui partecipano i libri antichi) e alla distruzione di questa cultura: gode della consistenza del suo io ( il suo piacere) e cerca la sua perdita ( il suo godimento). E' un soggetto doppiamente scisso, doppiamente perverso.

Roland Barthes, "Variazioni sulla scrittura", Einaudi, Torino, 1999