"Prima Pagina" di febbraio 2016

<< |  <  |  <>  |  >  | >> ]
Cosa ? What is?
Autori ]   [ Classi ]  

Ricerca ]   [ E-mail ]  
mare
matematica
media
medicina
mente-corpo
montagna
movimenti
musei
musica
lavoro
libri
linguistica
logica
informatica:
linguaggi
reti
fondamenti
storia
politica
sociologia
illustrazione
inizio-fine
gialli
giochi
globalizzazione
guerra-pace
5 anni fa >
< 10 anni fa
15 anni fa >

[ ... per ricevere il memo ... ]
"Prima Pagina" di febbraio 2016       [  << |  <  |  <>  |  >  | >> ]







La finzione letteraria, quella scritta nei libri, rimane per lungo tempo, prima della comparsa del cinema e poi degli altri media, l'unica accessibile. Quest'unicit la rende un passaggio obbligato ai mondi fantastici e induce strati di popolazione sempre pi ampi a superare l'ostacolo maggiore, cio la fruizione attiva (la lettura) molto pi faticosa di quella passiva (la visione e l'ascolto) che sar propria degli altri media. L'amore generalizzato per la finzione induce un esercizio dell'immaginazione, una sorta di ginnastica della fantasia, che si risolve alla fine nella conquista di una nuova dimensione della propria realt interiore.

Gian Arturo Ferrari, "Libro", Bollati Boringhieri, Torino, 2014