"Prima Pagina" di marzo 2018

<< |  <  |  <>  |  >  | >> ]
Cosa ? What is?
Autori ]   [ Classi ]  

Ricerca ]   [ E-mail ]  
bambini
beni comuni
biografie
biologia
chimica
cinema
collezionismo
comunicazione
copyright-copyleft
cosmologia
critica letteraria
citta'
Barcellona
Firenze
Londra
Milano
Napoli
New York
Parigi
Roma
Venezia
classici:
francesi
greci
inglesi
italiani
latini
russi
statunitensi
tedeschi
design
destra-sinistra
diritto
5 anni fa >
< 10 anni fa
15 anni fa >

[ ... per ricevere il memo ... ]
"Prima Pagina" di marzo 2018       [  << |  <  |  <>  |  >  | >> ]







Non si tratta di vita reale. La vita reale lasciarti fottere dagli uomini sulle loro scrivanie (divertendoti, il che forse la cosa peggiore). La vita reale restare regolarmente senza denaro, e poi senza niente da mangiare. La vita reale non avere un riscaldamento decente. La vita reale fisica. Datemi i libri, invece, datemi l'invisibilit del loro contenuto, i pensieri, le idee, le immagini. Vorrei diventare parte di un libro; darei qualunque cosa per questo. Essere maledetta da "Che fine ha fatto Mr Y." deve significare divenire parte della storia, un essere intertestuale, un cyborg letterario o, considerando che i libri non sono cibernetici, un "bibliorg". Le cose nei libri non possono sporcarsi, e la vita reale alla fine polvere. Anche i libri diventano polvere, come i resti sbriciolati che il viaggiatore nel tempo di H.G. Wells trova nel museo. I pensieri, invece, sono puliti.

Scarlett Thomas, "Che fine ha fatto Mr Y.", Newton Compton, Roma, 2007